Venerd́ 19 Aprile09:55:06
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coriano escluso da finanziamenti del bando Gal, ricorso respinto: dovrà pagare 9000 euro di spese

Il Gal metteva a disposizione 900.000 euro per interventi di sviluppo di servizi pubblici

Attualità Coriano | 15:51 - 21 Marzo 2019 Porta di ingresso del castello Malatestiano di Coriano Porta di ingresso del castello Malatestiano di Coriano.

Il Tar Emilia Romagna ha respinto il ricorso del Comune di Coriano, promosso contro il Gal Valli Marecchia e Conca, e nei confronti di cinque comuni della Provincia di Rimini, in merito al bando "Strutture per servizi pubblici". Il Gal metteva a disposizione i fondi del Piano di Sviluppo Rurale, circa 900.000 euro, per interventi su beni di proprietà dei comuni e per lo sviluppo, in essi, di determinati servizi pubblici. Ogni progetto presentato si sarebbe collocato in una graduatoria, in base un punteggio prestabilito: ad esempio avrebbe preso più punti un progetto presentato in un'area rurale e in un comune di piccole dimensioni. Il progetto, per essere ammesso, doveva avere un costo minimo di 50.000 euro; novantamila euro il massimo dei fondi concessi per ogni singolo progetto. Sono stati tredici i comuni che hanno presentato domanda: tutti i progetti sono stati dichiarati ammissibili, undici finanziati. Due quelli non finanziati, per esaurimento delle risorse, presentati da Montegridolfo (dodicesimo in graduatoria) e Coriano (tredicesimo). 

IL PROGETTO DI CORIANO. La Giunta di Coriano aveva approvato un progetto di riqualificazione della torre del Castello Malatestiano di Coriano, delle sale ospitanti l'Antiquarium e delle aree esterne pertinenziali, a fronte di un investimento di 150.000 euro coperto per la maggior parte dai 90.000 euro di fondi dal Gal. Il progetto si è però classificato tredicesimo. L'amministrazione comunale ha allora adito le vie legali, chiedendo al Tar un provvedimento di sospensiva del bando, lamentando due tipologie di irregolarità nelle domande di partecipazione dei comuni di Pennabilli, Poggio Torriana, Morciano di Romagna, Montescudo Montecolombo e lo stesso Montegridolfo. Irregolarità che però erano state sanate, in sede di istruttoria, ha rilevato il Tar, che ha respinto il ricorso. Il Comune di Coriano dovrà pagare 9000 euro di spese legali (1500 euro per ogni parte costituita in giudizio).