Sabato 20 Luglio19:08:02
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Dalla regione 5,4 milioni per l'adeguamento sismico di due scuole di Rimini

Gli istituti beneficiari sono il Valturio (3,9 milioni) e il Liceo Einstein (1,5 milioni)

Attualità Rimini | 12:35 - 21 Marzo 2019 Liceo Scientifico A.Einstein di Rimini Liceo Scientifico A.Einstein di Rimini.

La Regione Emilia-Romagna stanzia 28 milioni di euro per interventi di messa in sicurezza di 26 istituti scolastici, da Piacenza a Rimini. Le risorse provengono dal Fondo di protezione civile per il miglioramento sismico, dai risparmi ottenuti sulle opere finanziate nel 2016 con i Mutui Bei e dal Fondo nazionale per lo sviluppo e la coesione. Dal 2015 sono 460 i milioni investiti in questa campo: "Uno sforzo straordinario per quantità e qualità", lo ha definito il presidente Stefano Bonaccini. Gli interventi più rilevanti riguardano l'adeguamento sismico delle scuole 'R. Valturio' di Rimini (3,9 milioni) e 'Morante' di Sassuolo, in provincia di Modena (1,1 milioni), grazie alle risorse della Protezione Civile. Per Rimini sono stati stanziati, per il liceo Albert Einstein, 1,5 milioni. Con i risparmi ottenuti in base ai ribassi della base d'asta dei mutui Bei verranno, invece, finanziati nuovi interventi di edilizia scolastica in provincia di Bologna (810 mila euro), Ferrara (607 mila) Forlì-Cesena (680 mila), Ravenna (210 mila) e Reggio Emilia (310 mila). "È una priorità e una scelta strategica per le quali adesso continuiamo a investire, pensando al futuro dei nostri giovani a partire dal loro presente", ha spiegato Il presidente Bonaccini: "Ogni scuola deve essere sicura, efficiente, ma anche confortevole e bella: ne siamo profondamente convinti, per questo il piano regionale di edilizia scolastica è stato tra i nostri primi atti a inizio mandato, più volte ampliato e rifinanziato". “Parliamo di uno degli obiettivi primari della Giunta regionale – commenta Emma Petitti, assessore al Bilancio della Regione Emilia-Romagna -. Rendere più sicuri, funzionali e al contempo accoglienti gli istituti scolastici è fondamentale per i ragazzi, gli insegnanti e il personale. Per la realizzazione di tutto questo è stata avviata una sinergia di gruppo tra le istituzioni e le scuole con un approccio serio e concreto. Un’azione che mette al centro il benessere degli studenti e allo stesso tempo dà nuovo ossigeno al mondo del lavoro e delle imprese”.