Mercoledý 19 Giugno18:17:54
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Una riminese invitata al convegno mondiale di Melbourne sui traumi da violenze di guerra e genocidi

E' Laura Fontana, responsabile del progetto di Educazione alla Memoria del Comune di Rimini

Attualità Rimini | 14:11 - 20 Marzo 2019 Laura Fontana, responsabile del Progetto di Educazione alla Memoria del Comune di Rimini Laura Fontana, responsabile del Progetto di Educazione alla Memoria del Comune di Rimini.

Un po’ di Rimini in Australia, per un importante momento di confronto sulla memoria, la storia e le ferite della guerra. Laura Fontana, responsabile del Progetto di Educazione alla Memoria del Comune di Rimini, è stata invitata a intervenire come relatrice al convegno mondiale in programma a Melbourne la prossima settimana dal titolo Embedding the Apology in the Media: How Civil Society Contributes to Reconciliation, organizzato dall'Asian Institute dell’Università della capitale australiana e dalla Fondazione Toyota di Tokyo, che finanzia e promuove un vasto progetto sui traumi e la riconciliazione dei genocidi e violenze di guerra del Novecento. Questo importante workshop è infatti l’evento conclusivo di un progetto di ricerca promosso dalla Fondazione Toyota che indaga i processi di riconciliazione e di memoria delle società civili rispetto ai traumi dei genocidi e violenze di guerra e si focalizza su quattro Paesi che hanno avuto nella propria storia del Novecento esempi drammaticamente significativi di crimini contro i civili: Giappone, Germania, Italia e Cina. Laura Fontana presenterà una relazione dal titolo "L'Italia e le memorie della Shoah: il paradosso di Auschwitz. Dal mito dell'innocenza alla memoria selettiva”.