Luned́ 27 Maggio06:01:10
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ristorante vuoto dopo assunzione di pizzaiolo di colore, il sindaco: 'non siamo paese razzista'

Elena Castellari, primo cittadino di Montescudo Monte Colombo, getta acqua sul fuoco dopo le proteste del ristoratore

Attualità Montescudo | 16:36 - 16 Marzo 2019 Il sindaco Elena Castellari Il sindaco Elena Castellari.

Il sindaco di Montescudo Monte Colombo interviene in difesa della propria comunità, dopo le accuse del ristoratore Riccardo Lanzafame, gestore della locanda Malatesta. L'uomo aveva denunciato una sorta di boicottaggio dei propri cittadini, a causa dell'assunzione di un giovane africano come pizzaiolo. Tutto è nato, secondo quanto raccontato dallo stesso ristoratore ai nostri microfoni, da un commento su Facebook di un suo concittadino che criticava la scelta di assumere un giovane africano in cucina. Dopo quel commento, la pizzeria si è svuotata e sono cessati gli ordini di pizza da asporto.  Il sindaco Elena Castellari commenta: "Non sono assolutamente d'accordo con la gogna mediatica che ha coinvolto tutta la comunità. Il Comune di Montescudo Monte Colombo non è assolutamente razzista. Questo territorio vanta, al contrario di ciò che si sente raccontare oggi, una coesione e una solidarietà non comuni, con esperienze particolarmente virtuose di integrazione e di impegno sociale, come dimostrano anche le due comunità presenti sul territorio che ospitano rifugiati, attorno alle quali non si è mai creato alcun tipo di problema". Il sindaco si impegna a trovare una soluzione e sottolinea di aver già incontrato personamente Lanzafame, "dimostrandogli la vicinanza di questa amministrazione per le difficoltà che sta vivendo la sua attività in termini di clientela e incassi, vicinanza peraltro espressa a tutte le attività economiche presenti sul territorio".