Mercoled 21 Agosto11:50:45
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio Eccellenza, a Cattolica nuovo valzer: via mister Freschi e ritorna Angelini

In virtù della scelta della società si è dimesso anche il direttore sportivo Benvenuti

Sport Cattolica | 17:01 - 13 Marzo 2019 Il tecnico Bebo Angelini è tonato sulla panchina del Cattolica Il tecnico Bebo Angelini è tonato sulla panchina del Cattolica.

A Cattolica c'è il dietrofront. Esonerato il nuovo tecnico Federico Freschi e in panchina ritorna Alberto Angelini mentre il ds Emanuele Benvenuti si dimette in dissenso con la società.

“Visti i risultati, purtroppo insoddisfacenti: quattro punti in sei partite – spiega il presidente della società giallorossa, Francesco Visino -, dopo una riunione fiume ieri sera con i soci più importanti si è deciso di prendere questa decisione per dare un'ulteriore scossa e lasciare un po' di speranza per la lotta salvezza. Visto che ancora c'è tempo, mancando sette giornate, ci sono ancora tutte le possibilità per centrare la salvezza diretta. Dispiace per Freschi e per il gruppo che l'aveva sostenuto perché ci hanno messo il massimo impegno, ma evidentemente la tensione ha superato l'espressione di gioco. E a fine stagione i punti sono troppo importanti. Come società avevamo dato piena fiducia al nuovo tecnico, ma i risultati non sono stati quelli auspicati, quindi abbiamo deciso di ripristinare la situazione precedente. Con mister Angelini, tra l'altro, siamo rimasti sempre in ottimi rapporti”.

Sulle dimissioni del direttore sportivo. “Sia il mister che Benvenuti sono due uomini di calcio e sanno entrambi che l'esonero fa parte del gioco. Benvenuti si è dimesso perché non si è trovato d'accordo con la scelta societaria”.

Continua la stagione “particolare” del Cattolica. 

“Questa è l'ennesima puntata di una stagione cominciata in maniera travagliata, il 19 luglio, e che continua sulla linea di un'annata difficile e di lotta. La speranza è che, come quella notte di agosto in cui abbiamo avuto la notizia che il Cattolica avrebbe continuato a vivere, adesso si riesca a centrare la salvezza. Sarebbe il coronamento di un sogno, l'epilogo di quella che più che una stagione calcistica assomiglia a un'odissea”.