Domenica 24 Marzo19:02:11
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Danno un passaggio in auto al ladro, ma vengono inseguiti dalla vittima

Due giovani finiscono a processo come complici del furto avvenuto all'esterno del bar di Corpolò

Cronaca Rimini | 07:07 - 10 Marzo 2019 Furto ladro, foto di repertorio Furto ladro, foto di repertorio.

Due giovani originari di Avellino, residenti da anni in Valmarecchia, sono a processo con l'accusa di furto, per la sparizione di un marsupio da un'automobile parcheggiata nei pressi del bar di Corpolò. I fatti risalgono al luglio 2012: il derubato aveva da poco terminato la serata con la sua band (si erano esibiti nel bar di Corpolò) e stava riponendo in auto gli strumenti musicali. Si accorse che il suo marsupio, lasciato sul sedile, con dentro il portafoglio e il telefono, era stato portato via da un ragazzo, salito a bordo dell'automobile sulla quale viaggiavano, come guidatore e passeggero al suo fianco, i due imputati, che all'epoca dei fatti avevano 32 e 24 anni.

L'INSEGUIMENTO. I ragazzi hanno sempre negato complicità nel furto: il responsabile era il giovane che avevano fatto salire a bordo, nel sedile posteriore. Una persona che conoscevano di vista e che chiese loro un passaggio, perchè intenzionato, come loro, a trascorrere la serata a Rimini, in un noto locale sul porto. Gli imputati si accorsero che erano letteralmente inseguiti da un'automobile, il cui conducente utilizzava i fanali per fare segnalazioni; arrestarono così la marcia del loro veicolo ai lati della Marecchiese. Il derubato si fece avanti per avere indietro il marsupio, che però era stato gettato dal finestrino. Il ladro aveva tenuto con sé il telefono cellulare e i soldi, un centinaio di euro, gettando via il resto. Aveva riconosciuto l'automobile impegnata nell'inseguimento, la stessa dalla quale aveva portato via la refurtiva.

LA DENUNCIA. Dopo la bagarre di quella notte, il derubato fece denuncia. Delle tre persone sull'automobile con il bottino sono stati identificati i due imputati, difesi dall'avvocato Nicolò Durzi. Il processo è stato aggiornato alla fine dell'estate.