Mercoled 27 Marzo00:55:02
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Lo stabile ex Bombo di Riccione finalmente tolto al degrado: diventerà un condominio

La società Ceccarini srl ha avuto il permesso di demolire lo stabile e di costruire un complesso residenziale

Attualità Riccione | 13:09 - 08 Marzo 2019 Controlli della Polizia Municipale allo stabile ex Bombo di Riccione Controlli della Polizia Municipale allo stabile ex Bombo di Riccione.

La Giunta Comunale di Riccione ha approvato lo schema di convenzione urbanistica per il permesso di costruire convenzionato in deroga a favore della società “ Ceccarini 140 srl” proprietaria dello stabile ex Bombo, situato in viale Ceccarini sopra le ferrovia, 
 
Il nuovo progetto di recupero e riqualificazione del vecchio fabbricato prevede la demolizione dei vecchi stabili adibiti ad hotel marginale, commerciale, artigianale e residenziale e la realizzazione di un complesso residenziale.
Tramite lo strumento della convenzione previsto dal Rue vigente, interventi edilizi di interesse pubblico e di miglioramento della città prevedono che il privato contribuisca con interventi migliorativi dal punto di vista ambientale e infrastrutturale. Nel caso specifico il ‘contributo solidale’ previsto dal permesso di costruire convenzionato della “Ceccarini srl” sarà indirizzato alla realizzazione di opere complementari e di finitura del sottopasso ciclopedonale di viale Ceccarini.
Interventi che saranno adiacenti al luogo di intervento dell’ex Bombo.
 
Stesso percorso per l’ex Hotel Aquila d’Oro, la giunta ha dato il via libera al permesso di costruire convenzionato alla società “ Unifin Italia srl” proprietaria dell’ex albergo di viale Ceccarini. Anche in questo caso, dove vengono inseriti tra il piano terra e il primo livello interrato una struttura di vendita e un secondo livello interrato a servizio del nuovo hotel, il privato mette in campo un contributo per le opere complementari e di finitura del sottopasso di viale Ceccarini.
 
L’amministrazione ha messo in moto uno staff dedicato per migliorare un sistema di servizi rivolto a professionisti, imprenditori e singoli cittadini. Nelle convenzioni, che approderanno in Consiglio Comunale il 14 marzo, è stato posto l’accento sul quadro urbanistico circostante. L’intervento dei privati andrà a contribuire in maniera significativa ai lavori in corso in tema di mobilità, sicurezza e infrastrutture del nuovo sottopasso ciclopedonale. Nel caso particolare si procede con due riqualificazione importante entrambe in viale Ceccarini.