Domenica 26 Maggio21:34:41
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Padre Graziano nel carcere di Rebibbia, l'uomo sta scontando 25 anni di carcere

In una lettera scritta e affidata al suo legale, denuncia la giustizia italiana di essere stata razzista

Attualità Novafeltria | 09:30 - 07 Marzo 2019 Padre Gratien Alabi Padre Gratien Alabi.

Dal carcere di Rebibbia dove si trova per scontare la condanna a 25 anni, Padre Gratien Alabi continua a proclamare la sua innocenza. Padre Graziano è stato riconosciuto colpevole dell'omicidio e dell'occultamento del cadavere di Guerrina Piscaglia. Il religioso, tramite una lettera consegnata ai suoi legali, ha detto di sentirsi vittima di razzismo. "Ho avuto da sempre tutte le testate giornalistiche contro" dice "Mi hanno fatto un processo mediatico senza prove, rendendomi colpevole".

La Cassazione ha condannato in via definitiva a 25 anni il frate congolese per la morte di Guerrina Piscaglia, scomparsa da Ca' Raffaello il primo maggio 2014. Secondo l'accusa il religioso ha ucciso la donna con cui aveva una relazione e ne ha occultato il cadavere. Una versione sempre contestata dalla difesa che ha annunciato il ricorso alla Corte di Giustizia europea.