Venerd́ 24 Maggio09:47:56
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Istat: crescono in Italia e anche a Rimini i visitatori dei musei

La regione seconda nel 2017 per numero di strutture museali

Attualità Rimini | 13:44 - 04 Marzo 2019 Museo della Città di Rimini Museo della Città di Rimini.

Sono dati che dimostrano una regione in grande crescita sul fronte dei visitatori paganti quella che emerge dall’indagine sui musei, aree archeologiche e monumenti in Italia condotta dall’Istat per il 2017 e resi noti recentemente in un lungo studio. 

E tra questi quelli riminesi, frequentati nel 2017 da ben 361.324 visitatori su base provinciale, pari al 6,2% dei 5.853.465 che risultano aver visitato uno dei 482 istituti museali regionali tra musei, gallerie, parchi archeologici o complessi monumentali. 

Un dato che fa dell’Emilia Romagna la seconda regione per numero di strutture museali solo dietro la Toscana (528) e davanti alla Lombardia (409) terza per numerosità, mentre è nel mezzogiorno che si concentra oltre la metà delle aree archeologiche (50,8%), il 30,7% delle quali in Sicilia e Sardegna. Poco più di un decimo dei musei complessivamente censiti è concentrato in dieci Comuni (Roma, Firenze, Bologna, Milano, Genova, Torino, Napoli, Trieste, Venezia e Siena), dove si contano in media 52 musei per ogni città. In particolare, nelle città di Roma, Firenze e Bologna, capitali del turismo culturale nazionale e internazionale, risiedono quasi 240 istituzioni a carattere museale.

Il 2017 è stato un anno eccezionale per i musei, i monumenti e le aree archeologiche italiane, che hanno registrato oltre 119 milioni di ingressi, un’affluenza che rappresenta un record storico assoluto, con un incremento del 7,7% rispetto al 2015. 

Un anno straordinario anche per i musei comunali e i luoghi della cultura di Rimini, che i dati del 2018 fanno cresce ulteriormente con un più 5,1% rispetto al 2017, quando i visitatori furono 90.344, e raggiungendo solo per museo della Città e il complesso archeologico della domus del Chirurgo un numero di visitatori che ha superato i 95.000.

Un trend positivo anche nei numeri che confermano la rinnovata fame di cultura da parte dei riminesi e dei turisti che, sempre più numerosi, arrivano in città con il preciso scopo di visitare museo e il patrimonio storico e archeologico, ma anche per cogliere i momenti straordinari della programmazione culturale museale come la Biennale del Disegno, che nell’ultima edizione ha fatto registrare, nelle diverse sedi tra cui anche il Museo, oltre 50 mila visitatori, o il Festival del mondo antico che si è tenuto dal 10 al 12 ottobre scorso sul tema attualissimo del rapporto Tra Oriente e Occidente. Una partecipazione che ha portato complessivamente a 154.784, tra cui moltissimi ragazzi delle scuole medie e secondarie della città e non, i visitatori che hanno affollato gli istituti culturali cittadini.