Mercoledý 17 Luglio07:58:29
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Qualità dell'aria a Rimini, a gennaio dieci sforamenti dei limiti giornalieri

Il meteo ha favorito l'accumulo di particolato, dati in linea con il gennaio 2018

Attualità Rimini | 11:53 - 04 Marzo 2019 Inquinamento Inquinamento.

Nel mese di gennaio si sono verificate condizioni meteorologiche favorevoli all’accumulo di particolato, con diversi episodi di sforamento del valore limite previsto per la media giornaliera.  Il limite è stato superato 10 volte in entrambe le stazioni presenti nel Comune di Rimini (Flaminia e Parco Marecchia) e 2 volte nella stazione di Verucchio.
Qui il bollettino di Arpae

Contemporaneamente all’innalzamento della concentrazioni del PM10 si sono registrate  concentrazioni significative anche per il PM2,5.

In genere il mese di Gennaio, come anche gli altri mesi invernali, contribuisce in modo determinante al numero degli sforamenti per il valore medio giornaliero del PM10  registrati nell’arco di un intero anno. 

Gli sforamenti di gennaio sono stati in linea con quelli dello stesso mese del 2018 ma con valori inferiori a quanto rilevato nello stesso periodo del triennio precedente.

Per il PM2,5 il valore medio mensile registrato presso le postazioni di misura di Parco Marecchia e San Clemente è stato rispettivamente pari a 30 e 17 µg/m3; in linea con quanto registrato nel 2018  e quindi, per la prima stazione, al di sopra del valore limite previsto dalla norma per la media annuale.

Lo stesso discorso vale per la media mensile dell’NO2 registrato presso via Flaminia, pari a 51 µg/m3, quindi abbondantemente sopra al limite previsto dalla norma per il valore medio annuale.

I rimanenti inquinanti non hanno presentato criticità.