Mercoledý 17 Luglio04:05:41
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

In arrivo a Rimini 50 nuove colonnine per lo sviluppo della mobilità elettrica in città

Il Comune ricerca enti e aziende interessate a installazione e gestione

Attualità Rimini | 10:46 - 02 Marzo 2019 Colonnina elettrica Colonnina elettrica.

Il Comune di Rimini intende avviare una ricerca di mercato finalizzata all’individuazione di aziende o enti interessati all’installazione e gestione, a propria cura e spese, di strutture di ricarica di veicoli elettrici sul territorio comunale in circa 50 possibili postazioni individuate su aree idonee ad ospitare questo servizio.
Sarà quindi in pubblicazione nei prossimi giorni sull’Albo pretorio comunale la manifestazione di interesse per invitare le imprese interessate a presentare le proprie proposte progettuali che saranno valutate secondo i criteri e le indicazioni contenuti nell’avviso.
L’obiettivo dell’amministrazione comunale è quello di creare una infrastruttura capillare, efficiente, moderna e interoperabile di colonnine di ricarica installate su suolo pubblico, incentivando anche l’innovazione e la proposta di progetti innovativi sul fronte dei servizi di mobilità.
“L’avviso pubblico che è stato predisposto – ha commentato l’assessore alla Mobilità Roberta Frisoni - si propone di fare un salto di qualità alla città chiamando gli operatori disponibili ad investire sulle infrastrutture di ricarica per la mobilità elettrica nonché a proporre anche progetti e servizi innovativi che facciano diventare le postazioni di ricarica dei nuovi ‘micro-hub’ di mobilità con servizi che possano soddisfare le esigenze dei cittadini e dei turisti che visitano la nostra città.
La sfida che lanciamo è quella di far dialogare al meglio il mondo dell’energia e quello della mobilità al fine di infrastrutturare Rimini con soluzioni all’avanguardia e integrate sul fronte della mobilità elettrica e sostenibile.”
Nel Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) del Comune di Rimini approvato nel dicembre scorso, il tema della mobilità elettrica ha infatti un ruolo strategico per la capacità di poter contribuire in maniera sostanziale alla diminuzione delle concentrazioni dei principali climalteranti ed è in linea con le azioni previste dal PAIR2020, che nel Pums è previsto lo sviluppo di questa forma di mobilità con la necessaria previsione la realizzazione di una rete di infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici sul territorio dotandosi nei prossimi anni di una capillare rete di ricarica per veicoli elettrici e ibridi plug-in per contribuire a ridurre la dipendenza dal petrolio ed attenuare l’impatto ambientale nel settore dei trasporti.
 
Il Comune così ha individuato 50 possibili postazioni per l'installazione dei dispositivi di ricarica, posizionate in linea generale sugli assi della viabilità più interessanti come a mare lungo i lungomari (Spadazzi, Di Vittorio, piazzale Kennedy via Beccadelli, ma anche via Toscanelli o Dati a Viserba) o sul primo asse urbano esterno come via Flaminia, via della Fiera, viale Tiberio, via Roma, Bramante, ecc, o nei pressi dei grandi parcheggi come il Chiabrera, via della Fiera (Conad), Caduti di Cefalonia, via dell’edera (Coop – Celle), iper Malatesta. L'operatore che si classificherà primo dovrà installare almeno 20 postazioni di ricarica a scelta tra quelle individuate dal Comune, in aggiunta alle 20 potrà indicare altre postazioni tra quelle indicate o con localizzazione diversa che dovrà comunque essere valutata dall'Amministrazione.