Giovedý 19 Settembre05:23:37
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Recuperate vive 10 tartarughe in ventiquattro ore tra Romagna e Marche

Emergenza al centro di recupero cura e riabilitazione delle tartarughe marine di Riccione

Attualità Riccione | 16:11 - 25 Febbraio 2019 Una delle tartarughe recuperate Una delle tartarughe recuperate.

Anche quest'anno, come nei due anni precedenti, a causa del forte freddo, si è puntualmente ripresentato il triste fenomeno degli spiaggiamenti massivi di tartarughe marine: 10 le tartarughe marine recuperate nelle ultime 24 ore in ipotermia, complice il clima pungente dello scorso weekend, e il numero è destinato ad aumentare nelle prossime ore. 

Gli esemplari, recuperati a Cervia, Pesaro, Fano, Senigallia, Falconara e Porto Recanati, sono arrivati al Centro di Recupero delle Tartarughe Marine di Riccione fortemente debilitati e presentano i sintomi di una sindrome nota come cold stunning, detta comunemente ipotermia, ma diverse presentano anche ferite vecchie o recenti, alcune probabilmente da costrizione dovute all’incontro accidentale con reti, lenze o altri rifiuti presenti in mare: nei prossimi giorni le analisi e le visite accurate a cui verranno sottoposte ci diranno di più sulle loro condizioni di salute. Le tartarughe affette da cold stunning si immobilizzano, rallentano al massimo le proprie funzioni vitali, e finiscono a causa di correnti e mareggiate per spiaggiarsi sulle nostre coste, rischiando la morte per assideramento per le temperature fuori dal mare ancora più rigide di quelle in acqua.

Per le tartarughe affette da questa sindrome ogni minuto in più al freddo potrebbe rivelarsi fatale per cui chiediamo a tutti la massima collaborazione: chiunque dovesse imbattersi in una tartaruga spiaggiata avvisi immediatamente la Capitaneria di Porto di competenza e noi allo 0541691557, e in attesa dei soccorsi metta la tartaruga al caldo, coperta con un asciugamano asciutto (avendo l’accortezza di tenere la testa scoperta).

Fondazione Cetacea è partner del progetto europeo Tartalife+, finanziato dall'Unione Europea attraverso il fondo LIFE+ NATURA 2012 e cofinanziato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali - Direzione Generale Pesca e dalla Regione Marche, progetto che ha come obiettivo la riduzione della mortalità delle tartarughe marine, soprattutto nell’ambito della pesca professionale.