Domenica 24 Marzo23:10:34
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

In tanti per l'addio a Romano Zamagna, il padre del direttore sportivo dell'Atalanta Gabriele Zamagna

Nella chiesa di San Giovanni Battista ex calciatori e una delegazione con stendardo del club orobico

Attualità Rimini | 15:42 - 22 Febbraio 2019 Da sinistra il ds Gabriele Zamagna e il padre Romano di cui venerdì mattina si sono celebrate le esequie Da sinistra il ds Gabriele Zamagna e il padre Romano di cui venerdì mattina si sono celebrate le esequie.

Nella chiesa di San Giovanni Battista venerdì mattina si sono celebrati funerali di Romano Zamagna, il padre di Gabriele Zamagna, da nove stagioni il direttore sportivo dell'Atalanta.  Aveva 88 anni. La chiesa, in cui qualche giorno prima era stato dato l'ultimo saluto a Rino Zangheri, il grande pres del Rimini Baseball, era gremita. Amici di famiglia e dei figli, ex colleghi di lavoro, parrocchiani: Romano era un uomo di profonda fede. Il sacerdote nell'omelia ha ricordato con belle parole la sua umiltà, l'esempio, lo spirito di servizio, l'altruismo. Romano, che abitava con la moglie Ivana a due passi dallo stadio Romeo Neri, era molto conosciuto: era stato a capo dei Vigili Sanitari dell'ufficio di Igiene di Rimini.  

Non potevano mancare i personaggi del mondo del calcio: presenti alcuni ex compagni di squadra nel Rimini Calcio, dove il figlio Gabriele ha mosso i primi passi da giocatore per approdare in prima squadra con allenatore Arrigo Sacchi. Tra gli altri Berlini, Zannoni, mister Pederiva, Magi e Bobo Gori, Ciriaco, Cinquetti (unico rappresentante del Rimini Calcio di oggi), Perazzini dirigente del settore giovanile accanto a Valter Sapucci quando Lele fece ritorno a Rimini nelle vesti di direttore sportivo dopo la retrocessione in serie C, nel 2009. E ancora: alcuni procuratori di livello nazionale tra cui Fabio Algeri, gli amici del Misano Calcio Valentini e Muccioli. La delegazione dell'Atalanta era capitanata dal responabile del settore giovanile Maurizio Costanzi e dal segretario generale Marco Semprini. In prima fila uno stendardo del club orobico listato a lutto. Alla famiglia Zamagna le condoglianze della redazione di Altarimini.it