Mercoledý 27 Marzo00:48:57
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Nuovo moderno mammografo in dotazione all'ospedale di Cattolica

Nel riminese sono diagnosticati 400 casi di tumore alla mammella all'anno

Attualità Cattolica | 13:21 - 22 Febbraio 2019 Ospedale di Cattolica Ospedale di Cattolica.

Si chiama Hologic Selenia Dimension ed è uno dei sistemi di mammografia digitale e di Tomosintesi digitale più innovativi di cui si possa disporre. Genera immagini mammografiche digitali in “due dimensioni” per lo screening e la diagnosi del cancro mammario ma, se necessario al completamento dell’indagine diagnostica, può produrre anche immagini in “tre dimensioni”, con possibilità di analizzare la mammella in strati sottili fino ad un millimetro di spessore. Si tratta dell’apparecchiatura inaugurata venerdì all'ospedale di Cattolica, strumentazione acquisita grazie ad una serie di investimenti mirati dell’Ausl Romagna in virtù dei quali le apparecchiature mammografiche sono in corso di rinnovamento in tutti gli ambiti territoriali aziendali. Lo strumento, del costo di 180mila euro, è collocato presso l’Ospedale “Cervesi” di Cattolica, nell’ambito del Servizio di Senologia di Rimini dell’Azienda USL della Romagna, diretto dal dottor Lorenzo Menghini, e sarà utilizzato per gli esami in clinica e, soprattutto, per lo screening mammografico. La tomosintesi sarà in particolare utilizzata nei secondi livelli dello screening, nelle urgenze e nelle pazienti in follow up.

I DATI SU RIMINI. Ogni anno in provincia di Rimini vengono diagnosticati circa 400 tumori della mammella, vengono effettuate circa 20mila ecografie, mille biopsie ecoguidate e 700 agoaspirati. Quella al seno è la neoplasia più frequentemente diagnosticata e rappresenta il 29 per cento di tutte le diagnosi oncologiche nelle donne. Una donna ogni 8 corre il rischio di avere una diagnosi di tumore al seno nel corso della sua vita. Si tratta della principale causa di morte per patologie oncologiche nelle donne, ma va altresì sottolineato che la mortalità sta diminuendo in maniera sensibile e soprattutto tra le donne che si sottopongono alle campagne di screening che, da ormai oltre vent’anni, la Regione Emilia Romagna promuove. In provincia di Rimini sono circa 72.500 le donne, in età tra i 45 e i 74 anni che periodicamente sono chiamate a svolgere, gratuitamente, le mammografie di screening (di queste circa 17.500 risiedono a Cattolica e San Giovanni in Marignano). A partire dal terzo anno di attivazione dello screening in una determinata area, è dimostrata una riduzione stabile e significativa dei tumori in fase avanzata, fino al 30 per cento. Attualmente in Romagna la sopravvicenza a cinque anni delle donne colpite da questa patologia è del 90 per cento (a fronte di una media nazionale dell’’87 per cento). Dai grafici allegati (fonte il Registro Tumori Romagna) emerge una costante riduzione di mortalità.

I COMMENTI. Il direttore generale Marcello Tonini ha evidenziato lo spirito di rete che lega i vari servizi sanitari del territorio, che operano, insieme, per la tutela della salute: “Stiamo lavorando in maniera equilibrata per qualificare la sanità romagnola, senza voler depotenziare alcun territorio, semplicemente perché non avrebbe senso. Rispetto alle tante critiche che ci piovono addosso, siamo felici di rispondere coi fatti”.

Il presidente della Provincia Riziero Santi ha espresso “l’orgoglio del nostro territorio, rispetto ai livelli di qualità della sanità che si sono raggiunti in provincia di Rimini così come in tutta la Romagna. Rispetto a vent’anni fa, in cui sembrava che i piccoli presidi, tra cui quello di Cattolica fossero a rischio, è con soddisfazione che oggi non solo possiamo contare invece, grazie alla rete dei presidi messa in campo, di servizi di prossimità vicini ai cittadini, ma anche di eccellenze come quella rappresentata da questo mammografo. Non hanno senso, dunque, certe strumentalizzazioni come ad esempio quella sulla chirurgia senologica di Santarcangelo. Al contrario dobbiamo essere uniti, ognuno per il suo ruolo in favore della prevenzione e di servizi sanitari di qualità”.

Conclusioni a cura del sindaco di Cattolica Mariano Gennari: “Sottolineo il rapporto di fiducia che si è subito creato coi vertici dell’Ausl Romagna. La Senologia, e l’ospedale in generale, sono al servizio non solo della città, ma anche del territorio circostante, con grande professionalità degli operatori. Colgo ‘l’occasione anche per rimarcare l’importanza degli screening oncologici, attivi in Emilia Romagna e non in tutte le Regioni, come strumento per la prevenzione e la tutela della salute. Il  mammografo che si inaugura oggi è un ulteriore passo avanti in questa direzione”.