Luned 27 Maggio07:48:58
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Presentato a Riminiterme il progetto Crescere sani con bimbi alle Terme

Il progetto parte mercoledì 6 marzo e coinvolge 16 classi per circa 300 bambini

Attualità Rimini | 19:03 - 20 Febbraio 2019 Da sinistra: Sara Ricci, Gabriele Gozzoli, Nadia di Matteo, Gabriella Bubani, Massimo Ricci e Franco Lamacchia Da sinistra: Sara Ricci, Gabriele Gozzoli, Nadia di Matteo, Gabriella Bubani, Massimo Ricci e Franco Lamacchia.

È stata presentata, mercoledì 20 febbraio, nella sede di Riminiterme, la quinta edizione del progetto Crescere sani con Bimbi alle Terme, realizzata da Riminiterme, in collaborazione con Start Romagna, CAAR (centro agro alimentare riminese), gruppo Hera e Wellness Foundation e il Comune di Rimini.
Il progetto parte mercoledì 6 marzo e coinvolge 16 classi per circa 300 bambini. Grandi sinergie e fattiva collaborazione tra Riminiterme e i poli scolastici riminesi: sono questi gli ingredienti del progetto in crescita che per il quarto anno, dopo il grande successo della scorsa edizione, ripropone l'iniziativa Crescere sani con Bimbi alle Terme dedicata ai bambini delle scuole di 1° e 2° elementare del Comune di Rimini, con l'obiettivo di coinvolgere gli alunni e le loro famiglie in un percorso attento ad uno stile di vita sano, un'alimentazione corretta, un'attività fisica costante e al rispetto dell’ambiente.
Un progetto su cui Riminiterme investe oltre 15mila euro.
Quest'iniziativa è rivolta ai giovanissimi dei sei circoli didattici delle scuole primarie del Comune di Rimini e coinvolgerà 16 classi per circa 300 bambini che tutti i mercoledì di marzo e aprile, a rotazione, dalle ore 9 alle ore 12 frequenteranno il villaggio termale di Riminiterme. Il primo appuntamento è mercoledì 6 marzo quando, grazie al servizio offerto da Start Romagna, arriveranno in bus  le prime classi di bambini.
Un progetto di fondamentale importanza, come evidenzia anche da Mattia Morolli, assessore alla Scuola e alle politiche educative del Comune di Rimini: “Secondo un dato diffuso tre settimane fa un terzo dei bambini delle scuole è, a vari livelli, a rischio obesità – precisa l’assessore Morolli  - pertanto l’attenzione del Comune di Rimini continua a essere rivolta a tutti i progetti e le iniziative che portano avanti un connubio tra sana alimentazione e attività motoria. Naturalmente, c’è sempre grande attenzione ai menù delle mense scolastiche e a iniziative come quella promossa da Riminiterme, dove l’attività fisica e le attività dedicate a uno stile di vita sano diventano le migliori forme di prevenzione”.
Quindi, quale luogo più adatto a progetti di questo tipo se non Riminiterme? “Le terme sono un luogo salutare, naturale e professionale – spiega il direttore di Riminiterme Massimo Ricci – ci sono spazi e strutture adatti, rappresentano quindi una garanzia rispetto alle esigenze dei più piccoli. Inoltre, siamo contenti di poter dire che questa iniziativa è a costo zero per i partecipanti. Anche il trasporto per le scuole è gratuito, grazie alla collaborazione che portiamo avanti con i nostri partner. Infine, va ricordato che le strutture termali sono importanti per la salute dei bambini: nel 2018 a Riminiterme i bambini fino ai 14 anni di età sono stati l’11% delle presenze complessive e il 25% di loro usufruisce delle nostre cure termali come prevenzione e per le cure inalatorie. Infatti, proprio per questo motivo sono in programma importanti investimenti per un ampliamento e ammodernamento della parte termale dedicata alle cure inalatorie”.
Si lavora sulle emozioni dei bambini affinché portino fuori ciò che apprendono, in maniera giocosa, ecco perché la Coordinatrice Gabriella Bubani e il Direttore sanitario Riminiterme Franco Lamacchia li coinvolgono e rendono partecipi con giochi, racconti, attività ricreative tutte incentrate sul tema della salute, propria e del mondo che abitiamo, creando un vissuto che non andrà mai perso.
“Crescere sani con Bimbi alle Terme”, visto il successo delle scorse edizioni, è stato inserito dalla regione Emilia Romagna tra i progetti di qualità del panorama sanità regionale.