Gioved 25 Aprile16:36:57
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Mercoledì assemblea industriali alla presenza del presidente nazionale Vincenzo Boccia

Presidente Maremonti, "costruiamo nuova Confindustria che metta insieme le aree di Forlì, Cesena, Ravenna e Rimini"

Attualità Rimini | 10:17 - 19 Febbraio 2019 Il Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia Il Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia.

"L'unione con Confindustria Romagna è il passo necessario per dare una maggiore rappresentanza alla nostra realtà produttiva. Costituire una Confindustria che metta insieme le aree di Forlì, Cesena, Ravenna e Rimini e che rappresenti al meglio le istanze degli imprenditori romagnoli è il nostro obiettivo. Nei prossimi mesi, in vista dell'unione, dialogheremo con il presidente Maggioli e la struttura già esistente". Lo dice al Resto del Carlino il presidente di Confindustria Forlì-Cesena, Andrea Maremonti, al vertice della Alea Fashion Industries, alla vigilia dell'assemblea generale in programma domani alla Fiera di Forlì alla presenza del presidente nazionale Vincenzo Boccia. In attesa dell'adesione a Confindustria Romagna, l'associazione provinciale aderirà alla Fondazione Città Romagna su cui dovrebbero convergere diverse istituzioni locali. "Siamo in fase di costituzione - spiega Maremonti - Dobbiamo identificare la governance e i temi principali. Noi oggi ci poniamo nella funzione di facilitatori perché tanti enti sul territorio possano lavorare insieme oltre qualunque barriera ideologica. La Fondazione è stata proposta da Confindustria Romagna e sposata subito anche da noi". Sulla situazione congiunturale, il presidente rileva che "a livello nazionale è complicata e l'Italia in questo contesto è un vaso di coccio, ossia ha i fondamentali meno solidi, e rischiamo di perdere questo treno che, per quanto vada piano, è in movimento. L'Emilia-Romagna però ha dati superiori alla media nazionale. A livello locale la situazione è tra luci e ombre, c'è anche chi va bene benché ci siano settori che non si sono ripresi. Tuttavia le politiche attuali del governo non aiutano a generare una nuova partenza".