Venerd́ 20 Settembre00:25:34
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

San Giovanni: 'Reati calano ma mezzi di informazione amplificano le paure'

Presentato anche il moderno progetto di videosorveglianza del territorio

Attualità San Giovanni in Marignano | 13:02 - 16 Febbraio 2019 Il Tenente dei Carabinieri Miserendino, il sindaco Morelli e l'assessore Gabellini Il Tenente dei Carabinieri Miserendino, il sindaco Morelli e l'assessore Gabellini.

Presentati venerdì sera i risultati dell’indagine sulla sicurezza e il nuovo progetto di video sorveglianza durante la serata pubblica “Sicurezza del Territorio” , tenutasi presso la sala del Consiglio Comunale di San Giovanni: alla presenza del Sindaco Daniele Morelli, dell’Assessore Nicola Gabellini e del Tenente dei Carabinieri Antonino Miserendino, sono stati presentati i risultati del questionario sulla sicurezza percepita dai Cittadini Marignanesi. Nel dettaglio un questionario anonimo che ha coinvolto il 21,73% della cittadinanza.

L'amministrazione comunale in una nota attacca i mezzi di informazione e i social media, accusati di aumentare il tasso di percezione di insicurezza, "amplificando le paure dei cittadini", a fronte "di una diminuzione complessiva dei delitti che per il 2018 supera il 12% in Provincia di Rimini". "A fronte di un dato nazionale che evidenzia la diminuzione del 9,5% dei reati consumati rispetto ai dodici mesi precedenti, emerge che oltre il 60% del campione intervistato ritiene che la criminalità in Italia sia addirittura aumentata e solo il l’ 1,6% dei cittadini Marignanesi ha l’effettiva contezza del dato sulla diminuzione nazionale dei reati", si legge nella nota dell'amministrazione comunale.

Relativamente alla sicurezza percepita a San Giovanni in Marignano, il 62% degli intervistati ritiene la città sicura, il 25% insicura. Lo studio indica, inoltre, in quali ambiti il tema della sicurezza è percepito in maniera più sensibile dai cittadini Marignanesi, evidenziando una particolare sensibilità per il capitolo dei reati contro il patrimonio e nello specifico i furti in abitazione che totalizzano il 49% delle risposte. Anche sotto questo versante in contro tendenza rispetto al dato dei furti (consumati e tentati) emerso in sede d’indagine pari al 2% del campione esaminato e un dato effettivo dei furti denunziati (consumati e tentati) inferiore allo 0.4% della popolazione Marignanese. Per quanto invece alle risposte individuali e al timore di essere vittime di possibili reati si segnala che il 14,09 % del campione non ha adottato alcuna cautela in particolare rispetto al tema della sicurezza, il 38,99% ha modificato il proprio comportamento adottando norme di buon senso (come ad esempio non lasciare porte e finestre aperte o oggetti di valore in macchina ecc.) oppure in una percentuale minore modificando addirittura i propri comportamenti, mentre il 46,96% ha dotato la propria abitazione di sistemi di sicurezza attivi e passivi contro i furti. Tra cui nella misura del 59% installando sistemi antifurto, 17% serrature di sicurezza, 22% grate alle finestre, 2% rivolgendosi istituti di sorveglianza.

VIDEOSORVEGLIANZA. La serata è stata poi l’occasione per la presentazione del moderno sistema di video sorveglianza che verrà realizzato dall’Amministrazione Marignanese entro il 2019, sistema abbinato a uno strumento di lettura automatica delle targhe e capace di monitorare il flusso veicolare su tutto il territorio comunale. Misura di prevenzione e contrasto dei reati che ha incassato il parere favorevole di oltre il 79% del campione esaminato dal sondaggio. Il progetto di video sorveglianza elaborato in sinergia con le forze di polizia e in particolare con la locale Tenenza dei Carabinieri e con il contributo tecnico di Sis Spa e dell'U.T. Marignanese nella persona del responsanile Oliviero Pazzaglini, prevede un investimento di 270.000,00 (di cui € 108.000,00 di contributo dello Stato e € 162.000,00 a carico del Comune) per l’installazione di n.17 punti di video sorveglianza con un totale di 40 punti di controllo di cui 10 telecamere multi obiettivo per la ripresa del contesto e 14 per la lettura targhe.

Mentre presso il Municipio sede della Polizia Municipale sarà realizzato il Centro di Controllo per la Visualizzazione e la Registrazione delle immagini e per la Gestione del sistema.

I COMMENTI. Molto soddisfatti della serata e dei risultati ottenuti il Sindaco Daniele Morelli e l’assessore alla Polizia Municipale Nicola Gabellini. “L’indagine sulla sicurezza percepita risulta fondamentale in quanto sono sempre di più gli studi che concordano nel ritenere che il “livello di sicurezza” individuale e di gruppo dipende non solo dalla cosiddetta sicurezza reale (possibilità concreta che una persona subisca un crimine, quantità dei criminali presenti sul territorio, numero dei crimini commessi, vulnerabilità e appetibilità della vittima ecc.), ma anche dal grado di sicurezza percepita.

Da quest’ultima dipendono reazioni di comportamento e, a volte, radicali modifiche di abitudini, che influenzano direttamente la qualità della vita. “Per intervenire efficacemente in tema di sicurezza, ha proseguito Morelli, diventa, dunque, indispensabile non solo la mappatura degli eventi criminosi, conoscere cioè il numero e la tipologia dei reati realmente commessi, ma anche capire ciò che le persone considerano una minaccia o un rischio e pensare strategie in grado di influire su entrambi gli aspetti”. Un ringraziamento particolare del Sindaco Daniele Morelli al Tenente Antonino Miserendino per la grande collaborazione offerta in questi mesi sia sul versante del controllo del territorio sia per quanto all’individuazione dei punti sensibili ed elaborazione del progetto di video sorveglianza.