Marted́ 17 Settembre07:45:12
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

In arrivo 30 milioni per la Cittadella della Sicurezza, Questura in piazzale Bornaccini

Il Senatore Croatti: "Rimini non poteva attendere ulteriormente una nuova sede"

Attualità Rimini | 17:37 - 14 Febbraio 2019 Futura sede della Questura di Rimini in piazzale Bornaccini Futura sede della Questura di Rimini in piazzale Bornaccini.

Il governo stanzia 30 milioni di euro, finanziati con i fondi del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE), per la cittadella della sicurezza. Ne danno annuncio il senatore Marco Croatti, la deputata Giulia Sarti e il consigliere regionale Raffaela Sensoli. Viene ribadito inoltre che gli uffici della Questura si sposteranno in piazzale Bornaccini. "Soluzione temporanea, che ci consente di guardare al futuro e al perseguimento degli obiettivi del patto per la sicurezza del 2017 con maggiore tranquillità e ottimismo”, spiegano i tre politici pentastellati riminesi, che aggiungono: "Dopo troppi anni di immobilismo, finalmente, è stato raggiunto l’atteso risultato di garantire alla nostra città una sede degna per gli operatori di polizia e per tutti i cittadini. Nonché  l’impegno concreto nel voler rafforzare la capacità operativa delle forze di polizia”. Il governo, in risposta a un'interrogazione del Pd, ha ribadito lo stanziamento dei 30 milioni, evidenziando però l’eccessivo ottimismo dei tempi indicati dal Patto per la realizzazione della stessa Cittadella, per la difficoltà nel reperire le risorse economiche necessarie a finanziare i lavori.

“Rimini non poteva attendere ulteriormente una nuova sede per la Questura. È giunto il momento, per chi negli ultimi anni ha continuato a fare promesse senza mai arrivare ad alcun risultato, di cessare polemiche e strumentalizzazioni” - concludono Croatti, Sarti, Sensoli - “non servono a fornire ai cittadini servizi migliori, maggiore sicurezza, una migliore pianificazione per il futuro. Quello di cui il nostro territorio ha bisogno. Invitiamo altresì il Sindaco Gnassi, nell’interesse della comunità riminese, a chiudere una brutta pagina di attacchi ingiustificati a Questore e Prefetto, che anche in questa fase hanno dimostrato di mettere al servizio di Rimini le loro competenze e capacità”.