Domenica 08 Dicembre12:26:24
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Nuovi varchi elettronici in centro a Rimini, iniziati i lavori di installazione

Si comincia con la sostituzione degli impianti in Via Bertani, Corso Papa Giovanni XXIII e Via Marecchia

Attualità Rimini | 12:04 - 14 Febbraio 2019 Impianti di videosorveglianza Impianti di videosorveglianza.

Entra nel vivo il programma di valorizzazione e tutela del centro storico attraverso il potenziamento del sistema di videocontrollo e videosorveglianza degli accessi. In questi giorni infatti sono iniziati i lavori per la messa in opera del nuovo sistema City Gate della società Traffic Tecnology aggiudicataria della gara d’appalto e che prevede l’installazione di tredici varchi elettronici che andranno a sostituire i sei attualmente operativi. I nuovi impianti serviranno a tutelare la esistente Zona a traffico limitato (accesso ai residenti e ai mezzi autorizzati che estenderà il suo perimetro nell’area compresa tra le mura cittadine lungo i Bastioni (lato sud) e l’asse Cavalieri – Oberdan – Aponia (lato nord), così come avvenuto nella prima fase avviata nel 2008.

In questa prima fase, la ditta incaricata dei lavori (Ossola Impianti srl) sta procedendo alla rimozione e alla sostituzione dei tre impianti di controllo già installati negli accessi di Via Bertani, Corso Papa Giovanni XXIII e Via Marecchia (all’intersezione con Viale Matteotti) e sta posizionando i nuovi sette impianti per il controllo degli accessi in corrispondenza di Via Trai, Corso d’Augusto, Via Luigi Tonini, Via Castelfidardo, Michele Rosa, Via Ortaggi e Via Marecchia intersezione con Viale Matteotti. Tre varchi invece saranno sostituiti e spostati, così come previsto dal progetto approvato dalla Giunta comunale: da Via Garibaldi a Via Molini, da Via IV Novembre a Via Dante Alighieri e da Via Quintino Sella a Via 22 Giugno 1859. Durante la fase di installazione, i tre varchi ora in funzione (via Garibaldi, Via IV Novembre e Via Quintino Sella) resteranno attivi e funzionanti e saranno rimossi solo una volta completati i lavori di installazione dei nuovi impianti.

La conclusione delle opere di installazione, che vedranno anche la sorveglianza archeologica da parte di AdArte s.r.l, è prevista entro il mese di marzo. Una volta terminati i lavori e collaudati gli impianti, seguirà una fase di preesercizio della durata di 30 giorni, così come stabilito dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che ha rilasciato l'autorizzazione.

Il nuovo sistema, stando al crono programma, dovrebbe entrare in funzione entro fine primavera 2019. Così come avvenuto nei mesi scorsi, per la definizione degli orari e delle modalità di accesso della nuova ZTL l’Amministrazione comunale si rapporterà con residenti, con le categorie, con gli operatori economici con l’obiettivo di arrivare alla migliore e più funzionale regolamentazione per ogni soggetto interessato al provvedimento. Sarà inoltre organizzata una campagna d’informazione specifica, rivolta sia ai residenti sia agli ospiti, per diffondere in maniera capillare le nuove modalità di accesso al cuore antico della città.