Luned́ 19 Agosto15:24:17
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio RSM, si sblocca il Domagnano: battuto il il Murata per 3-2

La Fiorita continua a macinare successi: stesa nel big match anche la Folgore

Sport Repubblica San Marino | 22:33 - 09 Febbraio 2019 Prima giornata di ritorno nel campionato sammarinese Prima giornata di ritorno nel campionato sammarinese.


Alla prima del girone di ritorno arriva il primo successo nel Q1 per il Domagnano, che si impone sul Murata grazie alla doppietta di Nicolò Angelini e al primo centro in giallorosso di Rivolino Gavoci, conquistando tre punti utili per ricucire gran parte del distacco che la banda di Protti accusava proprio nei confronti dei bianconeri di Città, oltre che Pennarossa.

In quel di Fiorentino il punteggio si sblocca abbastanza presto: sono trascorsi otto giri di lancette, infatti, quando Nicolò Angelini infila la porta della sua ex squadra siglando il vantaggio giallorosso. Il raddoppio arriva su rigore al 17’ con la firma di Rivolino Gavoci, ancora all’asciutto dopo quattro presenze con la casacca della “Lupa”. Nella ripresa uno dei subentrati, Juan Gabriel Sosa, riporta sotto il Murata, ma il Domagnano ristabilisce il doppio vantaggio con il 5° gol in campionato di Angelini, a segno anche una settimana fa contro la Folgore. Non è tuttavia un colpo da k.o. per i bianconeri, che nel giro di un paio di minuti dimezzano nuovamente lo svantaggio con Michele Pieri, mantenendo in bilico per un quarto d’ora abbondante un risultato che alla fine sorriderà comunque al Domagnano, sempre fanalino del girone ma ora molto più ottimista – classifica alla mano – rispetto a prima.

In vetta continua a macinare vittorie La Fiorita, che fa suo anche il big match con la Folgore mantenendosi così a punteggio pieno (otto vittorie su otto) nella seconda fase del torneo. Stavolta, però, i ragazzi di Mularoni devono sudare non poco per portare a casa i tre punti. Nel primo tempo, infatti, la Folgore li costringe all’inseguimento grazie all’11° centro in campionato di Imre Badalassi. In precedenza Cristian Brolli, dagli undici metri, non era riuscito a battere Alex Stimac, al secondo penalty neutralizzato in due settimane dopo quello respinto a Pesaresi nella sfida con la Libertas. La Folgore mantiene il vantaggio per la parte restante del primo tempo e per i primi 20’ della ripresa, poi La Fiorita imbastisce la rimonta attingendo dalla propria fornitissima panchina. Sono infatti due subentrati, Moussa Souare e Alessandro Guidi, a ribaltare la situazione: il primo colpisce al 76’ firmando il primo centro personale con la casacca della squadra di Montegiardino; il secondo, invece, fa saltare il banco all’89’, condannando la Folgore alla terza sconfitta nel Q1. Nel finale, espulso Vivan dalla panchina.

Chi trae beneficio dal k.o della Folgore è la Libertas, che per effetto del pareggio con il Fiorentino si svincola dalla coabitazione con i giallorossoneri di Falciano al quarto gradino della classifica, benchè alla vigilia nel mirino dei granata non potesse non esserci anche la posizione occupata dai rossoblù di Campo, terzi e avanti di una sola lunghezza rispetto a loro. Distanze che restano dunque invariate fra le due formazioni al termine di 90’ animati da avvincenti botta e risposta e alla fine conclusi in perfetto equilibrio. Colpisce per prima la squadra di Borgo Maggiore, a segno al tramonto della prima frazione con Gianluca Morelli, ma subito riagguantata dagli avversari grazie al 10° centro in campionato di Enea Jaupi.

Fiorentino che nella ripresa completa la rimonta con Juri Biordi, cui tuttavia ancora Morelli (quinta rete nel torneo per lui) replica a strettissimo giro, firmando un 2-2 che non muterà più fino al triplice fischio. Quello che muterà sarà il numero dei componenti la panchina granata, perché nel finale il direttore di gara espellerà Berretti e Cacchi, il primo sostituito circa un quarto d’ora prima, il secondo neppure sceso in campo.  

Per effetto di questo pareggio il Fiorentino mantiene la terza posizione ma perde contatto dal Tre Fiori, tornato alla vittoria dopo il k.o. della scorsa settimana contro La Fiorita. Nella sfida che oppone i gialloblù di Cecchetti al Pennarossa, Andrea Compagno migliora ancor di più i propri numeri stagionali firmando una doppietta che lo fa salire - nella classifica marcatori del torneo - a 16 centri su 15 gare disputate. È proprio lui a stappare l’incontro portando in vantaggio il Tre Fiori dopo appena 3’. Davide Massaro si incarica del raddoppio, ma il Pennarossa replica cinque minuti dopo grazie a Martins Adam Adami, alla prima marcatura con indosso la maglia della squadra di Chiesanuova. Scollinata la mezz’ora di gioco, Compagno iscrive di nuovo il proprio nome nel tabellino di giornata, regalando al Tre Fiori un doppio vantaggio che nella ripresa non subirà ulteriori attacchi da parte dei ragazzi di Guerra, nonostante questi ultimi giochino per circa 10’ in superiorità numerica a causa del secondo giallo comminato all’83’ a De Angelis.