Giovedý 21 Marzo07:48:40
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Santarcangelo, commovente cerimonia di consegna delle medaglie agli eredi dei caduti in guerra

Il sindaco Parma ha consegnato le medaglie agli eredi dei 55 caduti santarcangiolesi

Attualità Santarcangelo di Romagna | 13:59 - 02 Febbraio 2019 Cerimonia di consegna delle medaglie-ricordo agli eredi dei caduti santarcangiolesi Cerimonia di consegna delle medaglie-ricordo agli eredi dei caduti santarcangiolesi.

Si è svolta sabato 2 febbraio in Municipio la cerimonia di consegna delle medaglie-ricordo agli eredi dei caduti santarcangiolesi nella Prima Guerra Mondiale.  Di fronte a una delegazione di rappresentanti delle autorità civili, delle forze armate e delle forze dell’ordine, il sindaco ha consegnato le medaglie agli eredi dei 55 caduti santarcangiolesi – su un totale di 185 – che è stato possibile individuare tra i residenti a Santarcangelo con una ricerca storica negli archivi comunali. La consegna delle medaglie-ricordo, coniate dall’Associazione Combattenti e Reduci del Friuli-Venezia Giulia nell’ambito del progetto “Albo d’oro” (realizzato con il patrocinio del Ministero della Difesa e della Regione), arriva a conclusione della rassegna “Santarcangelo per il centenario della Grande Guerra”.

“Oggi arriva si conclude una lunga serie di iniziative – ha detto in apertura della cerimonia il sindaco e assessore alla Cultura, Alice Parma – nata con un duplice intento. Da un lato diffondere la conoscenza storica della guerra, con i suoi orrori e le sue sofferenze, per incoraggiare un sostegno convinto della cittadinanza alla pace e impedire il ripetersi di simili tragedie. Obiettivo che si è concretizzato attraverso un lavoro con i più giovani, in particolare nelle scuole, che ha attraversato come un filo conduttore le iniziative realizzate in questi anni. Dall’altro lato, abbiamo inteso stimolare una conoscenza della Prima Guerra Mondiale attraverso le vicende raccontate dalle storie familiari, ormai poco note a causa del tempo trascorso, ma ancora in grado di suscitare profonda commozione. Particolarmente importante dal nostro punto di vista chiamare i caduti uno per uno al momento di consegnare la medaglia, per conferire la massima dignità a ciascuno di loro. Con giornate come quella di oggi speriamo di aver offerto ai santarcangiolesi occasioni di approfondimento e riflessione – conclude il sindaco – nell’ambito di un lavoro sulla memoria che non si esaurisce certo con il centenario della Grande Guerra”.

Si chiudono dunque le iniziative cominciate nel 2014, che hanno raggiunto il culmine nel triennio 2015-2018. Una programmazione che ha dato vita a oltre venti appuntamenti, comprese tre mostre, cinque presentazioni di libri, due incontri di approfondimento, due concerti e tre spettacoli, un film, un laboratorio e diversi giorni di letture per bambini, cinque commemorazioni istituzionali e la cerimonia pubblica di oggi.