Sabato 20 Luglio07:53:26
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

A Cattolica l’emozione di cenare sospesi a 50 metri d’altezza

Dal 20 aprile in piazza del Tramonto: si mangerà 'in aria', come nelle grandi metropoli internazionali

Attualità Cattolica | 13:43 - 30 Gennaio 2019 Anche a Cattolica 'dinner in the sky' Anche a Cattolica 'dinner in the sky'.

Avete mai provato l’emozione di una cena, un meeting, un happy hour in mezzo al cielo, sospesi fra le nuvole? Nella Regina, quanto prima, si potrà vivere questa incredibile esperienza. A regalare questa opportunità è “Dinner in the sky”, un marchio ideato da David Ghysels e conosciuto in oltre 75 paesi in tutto il mondo. Concessionario esclusivo per l’Italia è Stefano Burotti, un imprenditore romagnolo che ha scelto di investire in questa esperienza per portarla nella nostra Penisola. Ad aprire il “tour” italiano sarà Cattolica che, grazie all’assessore al Turismo Nicoletta Olivieri, non si è fatta scappare questa occasione. Così anche nella Regina sarà possibile mangiare a 50 metri d’altezza come nelle grandi metropoli internazionali quali Las Vegas, Montecarlo, Dubai, Montreal, Parigi, Bruxelles. 

QUANDO E DOVE. Dal 20 Aprile al 5 Maggio questa magia si concretizzerà in Piazza del Tramonto immersi nello spettacolare scenario naturale della #SunsetBeachArena di Cattolica. Qui verrà allestito un vero e proprio “red carpet” che condurrà alla piattaforma che salirà in cielo per far godere la meravigliosa vista della baia di Cattolica (#CattolicaBay). A breve saranno aperte le prenotazioni online tramite il sito “dinnerinthesky.it”.


L’AMMINISTRAZIONE ABBRACCIA L’EVENTO. “Voglio esprimere la mia gratitudine al Comune di Cattolica – commenta Stefano Burotti - per aver accolto questo progetto e per essersi adoperata per avere questa prima data ufficiale italiana che proseguirà con un tour in tutta la Penisola in città come Torino, Roma, Verona ed Lago di Garda. Tante altre date si aggiungeranno prossimamente”. E Burotti respira aria di famiglia nella Regina. “Sarà per me un piacere – continua - partire con questa prima data “in casa” essendo romagnolo ed avendo la mia società sede legale a pochi passi da Cattolica”. Alle spalle un anno e mezzo di lavoro per questo progetto ma alla fine la fatica lascia spazio alla soddisfazione. 


COME FUNZIONA. Dinner in the Sky è una struttura sostenuta da una gru da 120 tonnellate, che ospita 22 persone intorno al tavolo e uno staff di 4 persone al suo centro: uno chef, due camerieri e un tecnico. L'evento può coinvolgere anche centinaia di persone, allestendo un parterre con gazebo per intrattenere le persone mentre attendono il loro turno per salire a brindare. In particolare, i clienti arrivano in loco almeno 30 minuti prima e vengono accompagnati da delle hostess che ne effettuano la registrazione prima di accompagnarli nella zona “hospitality” per un aperitivo di benvenuto. Successivamente vengono accompagnati due alla volta alla Piattaforma dove vengono allacciati ai sedili, in stile Formula1, dal personale di sicurezza. Una volta posizionate le 22 persone, inizia un countdown di 10 secondi per salire in cielo all’altezza di 50 metri dove si svolge l'evento che dura mediamente 2 ore se si tratta di una cena, 1 ora e 20 per il pranzo e 45 minuti per l'aperitivo. 


IL SINDACO. “Si tratta di un appuntamento di prestigio – ha commentato Mariano Gennari – che abbiamo subito accolto con favore perché siamo sicuri che avrà una grande ricaduta dal punto di vista dell’immagine per la nostra Cattolica. Gli organizzatori non si sbilanciano, ma sono già al lavoro per portare grandi chef stellati e vip tra gli ospiti. Non vedo l’ora di poter inaugurare questa iniziativa brindando tra le nuvole con negli occhi un punto di vista privilegiato per ammirare la bellezza del nostro litorale. In quel periodo è prevista anche la Festa dei Fiori, avremo una città viva e capace di attrarre numerosi turisti. Sono convinto che questo tipo di iniziative non possano che far bene alla nostra comunità per costruire quell’immagine di destinazione turistica che Cattolica merita”.