Sabato 20 Aprile03:50:01
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

In cinque mesi 'spazio Vinci' di Rimini ha accolto 200 donne vittime di violenza

Sono 80 invece le madri che hanno raccontato le violenze subite

Attualità Rimini | 13:10 - 25 Gennaio 2019 Corso di autodifesa per donne a Rimini Corso di autodifesa per donne a Rimini.

Sono 25 le donne che hanno partecipato a Rimini al corso di autodifesa organizzato dalla Casa delle Donne in collaborazione con il Centro Antiviolenza Rompi il Silenzio Onlus e Arma dei Carabinieri, Polizia di Stato, Polizia Municipale. Associazione La Pedivella e CSI Rimini. Giovedì si è tenuto il momento conclusivo: la consegna, al palasport Flaminio, del diploma del corso, composto da dieci lezioni di cui due teoriche con una operatrice del Centro antiviolenza e otto tecniche con gli istruttori di Arma dei Carabinieri, Polizia di Stato e Polizia Municipale.

I DATI RIMINESI SULLA VIOLENZA ALLE DONNE. Nella Regione Emilia - Romagna sono presenti 20 Centri Antiviolenza e 39 case rifugio; di questi, due centri e quattro case sono in Provincia di Rimini. Nel Comune di Rimini è presente il Centro Antiviolenza "Rompi il Silenzio", che gestisce anche il Centro Antiviolenza Comunale "Spazio Vinci", inaugurato nel mese di settembre 2018. Il centro ha accolto e assistito, circa 250 donne, delle quali più di 200 hanno dichiarato di aver subito una o più forme di violenza (fisica, sessuale, psicologica, economica). Delle più di 170 donne che si sono rivolte al centro per la prima volta (35 erano già inserite in un percorso di uscita dalla violenza), sono 130 sono quelle con figli; tra questi, più di 80 sono stati coinvolti in una qualche forma di violenza. Nelle case rifugio sono state ospitate,  al 31 ottobre 2018, 39 donne e 46 dei loro figli, con  un dato complessivo di 85 persone costrette ad essere messe in protezione. Numerose sono inoltre gli accessi alla Casa delle Donne di piazza Cavour: nell'anno 2018 sono state accolte ben 594 donne, che si sono rivolte per consulenze di varia natura (informazioni, violenza, assistenza economica ecc.) o che hanno usufruito degli sportelli di  consulenza legale, psicologica e dell'Ass.ne Rompi il silenzio.