Marted́ 23 Luglio10:31:11
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La scultura si svela alla cittadinanza con "Il Museo degli Sguardi"

Alla scoperta della meraviglia, sabato 26 gennaio apertura straordinaria con visita gratuita

Eventi Rimini | 10:45 - 24 Gennaio 2019 Museo degli Sguardi Museo degli Sguardi.

Il Museo degli Sguardi si svela alla cittadinanza, sabato 26 gennaio 2019 a partire dalle 10, grazie ad un’apertura straordinaria, che intende avvicinare riminesi e turisti alla ricca collezione museale ospitata nelle sale di Villa Alvarado, sul colle di Covignano.
Dalle splendide maschere agli strumenti musicali dell’Africa nera, dai ricchi tessuti peruviani alle sculture in terracotta dell’Occidente messicano, i visitatori potranno ammirare opere preziose ed evocative, in un vero e proprio viaggio alla scoperta delle culture extraeuropee. Ad accompagnarli una guida esperta che ripercorrerà vicende e tradizioni del mondo.
 
Il Museo degli Sguardi è un’eccezionale scrigno di tesori, situato proprio di fronte al Santuario della Beata Vergine delle Grazie, normalmente chiuso al pubblico e aperto solo su prenotazione. L’apertura straordinaria di sabato prossimo rientra tra le azioni del progetto In-Contro. Un museo come spazio di condivisione e solidarietà, proposto e realizzato dalle associazioni di volontariato Vite in Transito e Orizzonti Nuovi e dall’associazione di promozione sociale La Bottega Culturale con il contributo della Regione Emilia-Romagna, finalizzato proprio a dare una migliore valorizzazione alla ricca collezione museale, purtroppo ancora sconosciuta anche a molti riminesi. Tra gli obiettivi del progetto, l’integrazione delle differenze e delle culture, attraverso un sempre più ampio coinvolgimento di migranti, rifugiati politici e persone affette da disabilità psichiche, soggetti ancora troppo emarginati e discriminati.
Già da ottobre l’associazione capofila del progetto - Vite in Transito -, che da sempre intreccia migrazione e narrazione, ha attivato un laboratorio di auto narrazione finalizzato a formare un gruppo di mediatori museali – tra cui richiedenti asilo e ragazze di seconda generazione -; da febbraio il percorso continuerà con corsi di teatro, passeggiate culturali, concerti, laboratori per la famiglia fino all’allestimento di una percorso museale innovativo.
 
La visita al Museo degli Sguardi è gratuita e aperta alla cittadinanza. E’ necessaria la prenotazione al 324 7837489.