Luned́ 19 Agosto15:12:57
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

"Gru che fa la pupù", sindaco Misano: "Sarebbe bello poter risolvere problemi con canzoncine"

Sindaco Giannini risponde alla canzone parodia riguardo la gru posizionata nella frazione di Misano Cella

Attualità Misano Adriatico | 13:37 - 19 Gennaio 2019

Entra nel vivo la campagna elettorale a Misano complice una canzone parodia dello "Zoo di 105" che supporta scherzosamente l'elezione a sindaco di Claudio Cecchetto, candidato della lista "apartitica e apolitica" (usando la definizione dello stesso Cecchetto) WMisanoviva, e che ha indispettito il sindaco uscente Stefano Giannini (Partito Democratico), sorpreso anche dal clamore mediatico suscitato dalla canzone. 
"Si può dare di più" del trio Morandi, Ruggeri, Tozzi diventa"Dai togliamo 'sta gru che fa tanta pupu'", con riferimento alla gru montata in un terreno nel quartiere di Misano Cella. "Come fare lo so, Claudio fai sindaco [...], WMisanoviva, Dai Claudio Cecchetto sindaco di Misano Adriatico, votatelo!"Il sindaco Giannini non ci sta e risponde in una nota (di seguito la nota integrale).

"Certo che se bastasse una canzoncina divertente o una simpatica vignetta o un crowfunding (ricerca collettiva di fondi) per far smontare la gru della Cella, sarebbe facile fare il Sindaco. Come ha detto in tv Giorgio Gori, Sindaco di Bergamo, al mio amico Claudio Cecchetto, fare il Sindaco è un po’ più complicato: ci sono regole normative, circostanze particolari per ogni caso, procedure, burocrazie, piaccia o non piaccia, che vanno rispettate. Certo i problemi vanno aggrediti, ci vuole determinazione ma anche competenza e capacità politica.
Quindi là dove neanche una canzoncina simpatica poteva arrivare e senza la necessità di fare una colletta alla Cella (crowfunding)  è arrivato invece l’attività amministrativa con le suoi tempi e le sue norme scritte, ma con determinazione e competenza e senza fare morti e feriti per risolvere la faccenda di gru privata montata in un terreno di proprietà privata nel quel quartiere di Misano Cella.
 
La storia è semplice: una gru di una piccola impresa di costruttori locali, attualmente in liquidazione, installata in un terreno edificabile e lasciata inutilizzata da tempo, ha cominciato a destare preoccupazione per il suo stato di conservazione nei vicini che hanno segnalato il problema tramite il Comitato cittadino Insieme per la Cella. E l’Amministrazione Comunale ha quindi proceduto con gli strumenti che la legge le mette a disposizione: un sopralluogo della Polizia Locale che ha inviato il rapporto all’AUSL competente per la incolumità dei luoghi di lavoro e all’ufficio edilizia del Comune che a Novembre ha inviato una diffida. In seguito a ciò, l’impresa unitamente al Comitato cittadino hanno chiesto congiuntamente agli Uffici comunali di attendere il 15 gennaio per difficoltà della ditta ad operare prima.
 
Abbiamo accettato la richiesta ma il Comune ha preteso all’AUSL una certificazione sullo stato di sicurezza che è stata redatta l’8 gennaio 2019 con una nota formale la quale ha messo il Sindaco di Misano nelle condizioni di emettere il 14 gennaio una ordinanza contingibile e urgente per tutelare la pubblica incolumità che consente di accedere in area privata con la forza e se non attuata comporta gravi sanzioni per i trasgressori. 
 
Non sarà però necessario procedere oltre, poiché, conformemente agli impegni assunti dai titolari con il Comitato Insieme per la Cella e con l’Ufficio edilizia il 17 è pervenuta una nota di una ditta specializzata che ha comunicato di aver ricevuto l’incarico e martedì 22 gennaio provvederà allo smontaggio della gru. Abbiamo emesso così conseguente ulteriore ordinanza per la regolamentazione dello smontaggio. 
 
Insomma la gru non fa la pupu, semplicemente… va giù. Chiudo così: Sarebbe bello poter risolvere i problemi con allegre canzoncine,  simpatiche vignette e crowfunding ma il  compito del Sindaco è un po’ più complicato. Certo ci vuole determinazione ed esperienza ma regole, burocrazia, problemi economici, situazioni particolari sono il pane quotidiano con il quale bisogna destreggiarsi”.