Sabato 25 Maggio02:05:11
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

VIDEO Spaccio a Novafeltria, giovani madri con il figlio in braccio tra i clienti: giro d'affari da 500.000 euro

Documentate in dieci mesi oltre 1500 cessioni di droga. Nove persone arrestate di cui tre ai domiciliari

Cronaca Novafeltria | 12:32 - 17 Gennaio 2019

Terremoto nel paese di Novafeltria e in tutta la Valmarecchia. I carabinieri della locale Compagnia hanno eseguito nove ordinanze di custodia cautelare per spaccio di sostanze stupefacenti: sei persone sono state portate in carcere, tre sono ai domiciliari. E' ricercata una decima persona di nazionalità albanese. L'operazione, la più  importante che riguarda l'entroterra riminese e che ha coinvolto gente insospettabile – hanno sottolineato il comandante provinciale dei carabinieri colonnello Giuseppe Sportellli e il capitano dei carabinieri di Novafeltria Silvia Guerrini – è stata ribattezzata dagli investigatori 'Siviglia 2017'. E' coordinata dal pm Davide Ercolani (Gip Benedetta Vitolo).

Il nome, mutuato dall'opera di Rossini è stato scelto dagli investigatori perché lo spaccio ruotava intorno alla figura di un noto barbiere di 62 anni di Novafeltria detto “Figaro”, che come base operativa per lo smercio di cocaina e hashish utilizzava il proprio negozio. Oltre a un collaboratore del barbiere, sono finiti in carcere per spaccio anche un noto ristoratore di Novafeltria che aveva un locale anche a Rimini e un ex macellaio di Pennabilli e il titolare di una sala giochi, mentre i tre agli arresti domiciliari si occupavano della piazza di Rimini. La macelleria e la sala giochi sono chiusi da qualche tempo.

"Figaro" usava come base operativa per lo smercio di droga il suo storico negozio di barberia che era diventato una vera e propria piazza di spaccio per compratori e fornitori. L'intenso traffico illecito di stupefacente, soprattutto cocaina, marijuana e hashish avveniva proprio nel negozio. I Carabinieri hanno documentato anche con un video l'attività di spaccio nel locale con clienti in fila che, dopo aver pagato per barba e capelli, acquistavano anche la dose: mamma con bebè  in braccio, papà col passeggino, ragazzi, uomini, donne. Le modalità erano le più svariate: la droga veniva ad esempio lasciata sotto il tappetino.

L'indagine, condotte dai Carabinieri di Novafeltria, è partita da febbraio 2017 ed è durata un anno circa effettuata con pedinamenti, interecttazioni telefoniche.  E' nata su voci di paese sulla vendita di stupefacenti all'interno di alcuni negozi.

Sono così iniziati i riscontri e nel mirino è finito il negozio di barbiere di Novafeltria. Gli inquirenti hanno cominciato ad insospettirsi quando notavano il via vai di persone alcune delle quali uscivano senza essersi fatti tagliare capelli o barba. Il gruppo si sentiva molto sicuro nello spaccio in quanto le cessioni venivano effettuate nelle rispettive attività commerciali e lontano da occhi indiscreti coi militari dell'Arma che hanno documentato oltre 1500 vendite di stupefacenti (le dosi erano da uno a cinque grammi) in particolare cocaina. Si calcola che il giro di affari si aggiri sui 500 mila euro e sia di 5 chili la droga smerciata tra la Valmarecchia, Rimini, Savignano, San Mauro Pascoli  e Gatteo. La coca era di ottima qualità e per questo veniva venduta sulle 90 euro al grammo invece delle 50-70 abituali. Circa 70 gli assuntori della zona di tutte le età.

Lo stupefacente erano fornito ai rivenditori da tre corrieri albanesi, due dei quali sono stati arrestati. Uno, che in precedenti controlli era sempre riuscito ad evitare guai, è stato scoperto grazie al fiuto di un cane della Polizia che ha scoperto la droga nascosta nell'airbag nel volante della propria auto abilmente modificato sotto il quale aveva ricavato un piccolo nascondiglio: attraverso un pulsante nascosto lo sterzo si apriva e al suo interno era nascosto lo stupefacente.

La piazza di Novafeltria era la più importante e gli investigatori ritengono che l'attività fosse in essere da tempo ed era tuttora in corso: sono stati sequestrati nella abitazione del barbiere  assegni in bianco dei clienti a garanzia dei pagamenti per 39mila euro e 9700 euro in contanti. Le indagini proseguono per risalire al livello superiore e capire la provenienza della droga.

VIDEO Spaccio a Novafeltria, giovani madri con il figlio in braccio tra i clienti: giro d'affari da 500.000 euro - Foto 1
VIDEO Spaccio a Novafeltria, giovani madri con il figlio in braccio tra i clienti: giro d'affari da 500.000 euro - Foto 2
VIDEO Spaccio a Novafeltria, giovani madri con il figlio in braccio tra i clienti: giro d'affari da 500.000 euro - Foto 3