Giovedý 20 Giugno06:05:20
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Polizia: Michela, il primo agente gay al vertice del sindacato

Eletta capo tecnico nella segreteria generale Silp-Cgil al congresso di Rimini. Da tempo si batte per i diritti Lgbt nelle forze dell'ordine

Attualità Rimini | 17:33 - 11 Gennaio 2019 Michela Pascali Michela Pascali.

Si chiama Michela Pascali, ha 45 anni ed è la prima poliziotta omosessuale a scalare il vertice di un sindacato delle forze di polizia: l'assemblea del Silp-Cgil che si è conclusa ieri a Rimini l'ha infatti eletta nella segreteria nazionale. In Polizia da venti anni, Michela ha lavorato alla Polfer di Milano e in vari uffici della questura di Firenze, dove attualmente è assistente capo tecnico, con il ruolo di tecnico informatico. "La segreteria mi ha voluto per la mia attività sindacale, non certo solo e perché sono omosessuale - dice lei ringraziando il segretario generale Daniele Tissone - E' ovvio che le problematiche Lgbt faranno parte della mia attività, ma non mi occuperò solo di quello, vorrebbe dire svilire il mio ruolo e quello dello stesso sindacato". Da tempo impegnata nell'attività per i diritti degli omossessuali, Michela ha una compagna da 9 anni ma prima è stata sposata. "Spero che la mia elezione - aggiunge - possa aiutare tanti colleghi a fare coming out, possa aiutare tutti quelli che vivono un disagio ad uscire fuori senza vergognarsi di quello che sono".