Sabato 19 Gennaio18:53:51
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Magrebino chiede espulsione dall'Italia, ma il suo Paese d'origine gli nega il visto

Trentenne condannato per furto recluso nel carcere di Rimini ha scritto anche al Ministro Salvini

Cronaca Rimini | 17:33 - 07 Gennaio 2019 Ingresso della Questura di Rimini Ingresso della Questura di Rimini.

Ha scelto di essere espulso dall'Italia, come pena alternativa alla detenzione, ma il Marocco suo Paese d'origine, continua a negargli il visto temporaneo, necessario per il rimpatrio dei cittadini senza documenti. Protagonista della vicenda un cittadino marocchino di 30 anni detenuto a Rimini, dopo un trasferimento da Ferrara, per scontare una pena definitiva inferiore ai due anni a seguito di una serie di furti. L'uomo è in attesa di una risposta dal consolato del Marocco a Bologna, al quale da tempo si è rivolto. Per il detenuto - che racconta di aver scritto anche ai ministri dell'Interno, Matteo Salvini e della Giustizia, Alfredo Bonafede - la Polizia penitenziaria di Rimini in stretto contatto con gli uffici della Questura, sta tentando di trovare una soluzione per procedere all'espulsione, prima che a giugno venga rimesso in libertà come clandestino per termine della pena.