Venerd 24 Maggio13:56:26
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

San Patrignano, l'85% dei ragazzi reinseriti in società ha trovato un lavoro

In 40 anni passati in comunità oltre 26.000 ragazzi: nel 2018 sono stati 349 i nuovi ingressi

Attualità Coriano | 14:18 - 07 Gennaio 2019 I ragazzi di San Patrignano in sala da pranzo I ragazzi di San Patrignano in sala da pranzo.

Nel 2018, appena trascorso, sono stati 349 i nuovi ingressi a San Patrignano mentre sono stati 157 i ragazzi che si sono reinseriti nella società, l'85% dei quali è riuscito a trovare lavoro. Questo il bilancio della comunità di recupero riminese che lo scorso anno ha festeggiato il compleanno numero 40 e raggiunto, con attività di comunicazione, 46.000 studenti italiani. Sono stati oltre 26.000, invece, i ragazzi che sono passati dalla comunità romagnola dalla sua apertura. Struttura, spiega una nota di 'Sanpa', che opera in uno dei Paesi "più problematici in Europa per consumo di droga, secondo per il consumo di cannabis, quarto per assunzioni di cocaina" e in cui "nell'ultimo anno sono stati 670.000 gli studenti (26%) che hanno usato almeno una droga". Guardando proprio ai più giovani, nel 2018 San Patrignano ha accolto 20 adolescenti. In base ai numeri, "il 64% dei ragazzini si rifornisce di droga per strada, il 30% a scuola ed è crollata a 14 anni l'età media del primo contatto con le droghe". Ad ogni modo, evidenzia la comunità, "dobbiamo dire che l'anno si è chiuso con un segnale più che positivo: il Governo, dopo oltre 10 anni, è tornato a istituire un fondo a favore della prevenzione. Le cifre - viene sottolineato - non sono certo quelle di tanti anni fa, ma i 7 milioni stanziati e spalmati su tre anni, oltre a rimarcare la pericolosità e l'urgenza d'intervenire, ci fa ben sperare sulla volontà di supportare il lavoro che portiamo avanti ogni giorno". Con l'obiettivo di continuare, nel futuro, a fare prevenzione e informazione nelle scuole. "Ci auguriamo che il 2019 sia l'anno in cui possa partire in maniera strutturata una più ampia attività di prevenzione in tutta Italia - conclude San Patrignano - promossa e finanziata dalle istituzioni e non solo da realtà del privato sociale come la nostra che, con il progetto 'We Free', ogni anno riesce a raggiungere 50.000 studenti in tutta la penisola, dalla Lombardia alla Sicilia".