Venerdì 13 Dicembre09:31:00
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini Calcio, ecco l'attaccante: dal Teramo arriva Piccioni, ex Santarcangelo. Contratto fino a giugno

Quest'anno a secco di gol, nel Santarcangelo ne segnò 10. 'E' ormai fatta, davanti ricopro tutti i ruoli'

Sport Rimini | 14:22 - 07 Gennaio 2019 Gianmarco Piccioni con la maglia del Santarcangelo Gianmarco Piccioni con la maglia del Santarcangelo.

Manca la conferma ufficiale ma sarà Gianmarco Piccioni, classe 1991, l'attaccante di San Benedetto chiamato a rafforzare l'attacco del Rimini e fin qui in forza al Teramo (suo zio è Bruno Piccioni, ex giocatore del Teramo rivale del Rimini negli anni Settanta). La conferma arriva dallo stesso giocatore all'ora di pranzo dopo le indiscrezioni della vigilia che lo volevano in ballottaggio tra Rimini e con la Vis Pesaro.“Mancano i dettagli, al 99 per cento l'affare è fatto. Potrei essere a Rimini già alla ripresa del campionato”. Cioè mercoledì.
Firmerà un contratto fino alla fine della stagione, poi si vedrà. Classe 1991, l'attaccante ha sempre giocato in questa stagione  senza segnare. Lo scorso anno a Santarcangelo ha realizzato 10 reti con tanti assist (“ne ho fatti 11” puntualizza lui). “Posso fare la prima punta e la seconda alla stessa maniera – spiega il bomber – Sono allenato, a Teramo ho sempre giocato a parte la trasferta di Rimini anche se purtroppo non ho segnato. Succede. Capita , vedo, anche a Guerra della Feralpi: 19 e 13 nelle due ultime stagioni e solo 3 quest'anno. Sono stati sei mesi particolari, ho bisogno di cambiare aria e Rimini è la piazza giusta. Tamai la scorsa stagione mi ha visto più volte in azione, io abitavo a Rimini e per me è motivo di orgoglio vestire la casacca biancorossa”.
Prima di Santarcangelo Piccioni è stato per tre anni nella serie A romena, due in quella maltese, e nella B bulgara (in totale 27 reti) e prima ancora a L'Aquila in C2 e Lanciano (promozione in B ma con sole 7 presenze e nessuna rete). Viene descritto come un giocatore completo, con un buon tiro, partecipe alla manovra ma anche con qualità di finalizzatore. Staremo a vedere. Su di lui c'erano anche Imolese e Sud Tirol.  Il Rimini aveva altri nel mirino, forse il rischio di non arrivarci per vari motivi ha fatto virare su Piccioni il cui ingaggio è di soli sei mesi (e su cui anche il Teramo in piccola parte contribuisce).
Stefano Ferri