Domenica 25 Agosto10:11:20
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini 'blindata' per l'ultimo dell'anno: telecamere collegate con la 'control room' al teatro Galli

Varchi d'accesso presidiati e controlli per verificare rispetto divieto spray peperoncino

Cronaca Rimini | 12:16 - 01 Gennaio 2019 La Polizia presidia i varchi d'accesso al centro storico in occasione del Capodanno La Polizia presidia i varchi d'accesso al centro storico in occasione del Capodanno.

E’ stato un capodanno trascorso all’insegna del divertimento e dell’allegria quello appena vissuto in riviera dai riminesi ma soprattutto dalle decine di migliaia turisti che hanno scelto Rimini e le altre località della Provincia per brindare al 2019. 


LA CONTROL ROOM. Rispetto all’anno precedente, il Piano per la Sicurezza per il Capodanno prevedeva alcune novità importanti e che si sono rivelate molto utili per la gestione dell’evento. Numerose le telecamere installate in punti nevralgici per la concentrazione e l’afflusso di persone, pronte a cogliere i volti dei sospetti e registrare le immagini viste in diretta della cabina di regia allestita direttamente all’interno del Teatro Galli: una sorta di control room di quelle previste per gli impianti che ospitano eventi sportivi di grandi dimensioni, da dove poter osservare l’evento con gli occhi elettronici, al fin di poter individuare e segnalare con maggiore tempestività eventuali criticità, garantendo una più rapida risposta operativa da parte delle Forze di Polizia, già pronta sul territorio. 

TRECENTO UOMINI IN CAMPO. Imponente è stato lo schieramento delle Forze di Polizia impiegato, in divisa e in abiti civili. Sono stati infatti oltre 300 gli uomini impiegati: della Polizia di Stato, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e dei vari corpi della Polizia Municipale, oltre al personale specialistico delle Unità operative di primo intervento e dei cinofili della Polizia di Stato, impiegati già da alcuni giorni per effettuare bonifiche, sopralluoghi e ricognizioni. Le operazioni di bonifica dell’area sono iniziate infatti già nella prima mattinata, quando personale specializzato in materia di esplosivi ha effettuato i necessari sopralluoghi tecnici e sono proseguiti durante la durata dell’evento. 


CONTROLLI RIGOROSI DEGLI STEWARD. Massima attenzione e misure di sicurezza molto rigide con aree riservate, varchi presidiati da oltre 100 steward sotto gli occhi vigili delle forze dell’ordine. Controlli di borse e zaini, metal detector manuali e divieto di vendita di bevande in vetro e di lattine chiuse, con attenzione particolare rivolta alle bombolette spray custodite all’interno di borse o nelle tasche al fine di evitare l’ingresso in aree riservata di spray al peperoncino da parte di malintenzionati. Previsti e presidiati inoltre canali separati per l’afflusso e per il deflusso delle migliaia di persone che hanno preso parte all’iniziativa, con una adeguata campagna di informazione agli ospiti mediante cartellonistiche dedicate, in grado di segnalare anche durante le ore notturne eventuali uscite di emergenza. Campane per il vetro poste nei pressi dei varchi, servizi di svuotamento rifiuti ripetuti e mirati, attività di filtraggio efficiente, efficace e rapido ai varchi presidiati e agli altri punti di controllo individuati presso i canali di afflusso degli ospiti, campagna di comunicazione preventiva per evitare “sorprese” agli ospiti, previsione di aree riservate, varchi di accesso e deflusso, corridoi riservati per eventuali soccorsi e presenza diffusa di personale delle Forze di Polizia in divisa e in abiti civili, pianificazione preventiva delle misure di safety e di security mediante ripetuti sopralluoghi, collaborazione pubblico privato per la definizione dei piani da adottare, costante monitoraggio della situazione all’interno di una cabina di regia congiunta ove poter condividere in tempo reale le informazioni della piazza e adottare in tempo reale le misure più idonee sono da considerarsi gli elementi decisivi che hanno permesso lo svolgimento degli eventi senza incidenti.

LE DICHIARAZIONI DEL QUESTORE DI RIMINI. Il Questore di Rimini, dr. Maurizio Improta, ha rivolto il suo ringraziamento e apprezzamento a tutte le donne e gli uomini della Polizia di Stato, delle altre Forze di Polizia e degli altri Enti che hanno collaborato per lo spirito di sacrificio e per la dedizione che hanno saputo dimostrare anche nell’espletamento dei numerosi servizi predisposti dalla Questura di Rimini al fine di garantire l’ordinato svolgimento del Capodanno 2019. "Sono soddisfatto del lavoro del personale della polizia di Stato. La macchina della sicurezza ha lavorato a pieno regime e non si sono registrate particolari criticità".