Giovedý 25 Aprile22:37:08
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Sindaco Riccione, la lady di ferro contro i locali evasori: 'le regole vanno rispettate'

Intervista a Renata Tosi sul quotidiano La Stampa: 'mi piace Salvini, i giovani leghisti sono preparati'

Attualità Riccione | 09:18 - 23 Dicembre 2018 Il sindaco di Riccione Renata Tosi Il sindaco di Riccione Renata Tosi.

Il pugno duro del sindaco di Riccione contro i locali che evadono la Tari ha acquisito visibilità a livello nazionale. Il primo cittadino Renata Tosi è protagonista di un'intervista pubblicata nell'edizione odierna del quotidiano "La Stampa". Definita "Lady di ferro", la Tosi è al centro della cronaca nazionale per le sospensioni delle licenze verso gli imprenditori in ritardo con i pagamenti della Tari. Dopo il Cocoricò, che ha saldato due delle tre rate e potrà riaprire a Capodanno, dieci hotel, un bar e un ristorante sono finiti nel mirino. "Dei dieci hotel uno si è già messo in regola, altri, a quanto dicono, lo faranno lunedì quando riapriranno gli uffici comunali", spiega il primo cittadino riccionese. Prima, secondo la definizione della stessa Tosi, "era un gioco a rimpiattino": si cambiava ragione sociale e si lasciavano così inevasi i conti della Tari. La Tosi ha ribadito: "Se sono imprenditori veri le regole le rispettano, se sono solo 'prenditori' non mi interessa che vengano a Riccione". Nell'intervista riflessioni anche sulla politica nazionale: "Mi piace Matteo Salvini e mi piacciono i giovani leghisti perché sono preparati e danno alla politica una nota di vivacità che in questo momento serve". Ma nega un futuro in parlamento: "Finisco il mio secondo mandato da sindaco e poi torno al mio lavoro in uno studio notarile".