Gioved 20 Giugno00:01:12
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Bilancio di previsione approvato a Santarcangelo, ecco i lavori pubblici in programma

La seduta del Consiglio Comunale si è aperta con un pensiero per la tragedia di Corinaldo

Attualità Santarcangelo di Romagna | 14:57 - 21 Dicembre 2018 Il municipio di Santarcangelo Il municipio di Santarcangelo.

Il Consiglio comunale di Santarcangelo di giovedì 20 dicembre si è aperto con una comunicazione del sindaco Alice Parma per ricordare due episodi particolarmente drammatici accaduti nei giorni scorsi: la tragedia di Corinaldo, costata la vita a sei persone nella notte tra il 7 e l’8 dicembre, e l’attentato di Strasburgo dello scorso 11 dicembre, dove sono morte cinque persone compreso il giovane giornalista Antonio Megalizzi. A seguire, il Consiglio comunale ha eletto Louis Capriotti come rappresentante dell’assemblea in seno al Consiglio dell’Unione dei Comuni Valle del Marecchia, in sostituzione del dimissionario Andrea Martignoni.


Al centro della seduta consiliare il bilancio di previsione per gli anni 2019/2021 presentato dal vicesindaco e assessore al Bilancio, Emanuele Zangoli. “Abbiamo sempre centrato l’obiettivo del pareggio di bilancio e tutti gli indicatori confermano che la nostra situazione economico-finanziaria è ordinata e solida” ha detto innanzitutto Zangoli mettendo in evidenza lo stato di salute del bilancio comunale. “L’indebitamento dell’ente continua a scendere passando dal 3,11 per cento del 2017 al 2,65 del 2018, mentre nel 2019 si attesterà sul 2,25 per cento, con un contenimento degli oneri finanziari per ammortamento e rimborso di prestiti che passano dai 2.354.000 euro del 2017 ai due milioni di euro del 2019. Le entrate correnti di natura tributaria e contributiva si attestano su 11 milioni e 700mila euro, i trasferimenti ammontano a tre milioni, mentre le entrate extratributarie sono stimate in 3.111.000 euro. Le spese correnti sono pari a 16 milioni e 300mila euro, quelle in conto capitale sono iscritte in bilancio per 3.188.000 euro. Anche sui temi del bilancio – ha aggiunto Zangoli – abbiamo cercato il più possibile di favorire l’incontro e la partecipazione, con le parti sociali e i cittadini, consapevoli del fatto che solo così si può attraversare un periodo di grande complessità. Per fare questo occorre utilizzare la dote della delicatezza, del tutto assente nelle provocazioni dei ‘leoni da tastiera’, che consente di riannodare i tessuti lacerati dall’assenza e dalla precarietà del lavoro. In questo senso abbiamo effettuato una puntuale analisi della situazione economica del nostro Comune e del nostro territorio, mentre fra pochi mesi svilupperemo uno studio specifico sul terzo settore finalizzato alla definizione di un osservatorio sul benessere sociale. L’intento – ha concluso il vice sindaco – è organizzare un incontro fra tutti i corpi intermedi, con lo scopo di stimolare una piattaforma sociale del lavoro in un contesto più ampio”.


L’assessore ai Lavori pubblici Filippo Sacchetti ha invece illustrato le opere che saranno realizzate nel corso del 2019: “Sono una decina i cantieri in partenza nei primi mesi del nuovo anno, che sommati a quelli in corso permetteranno di dotare il nostro territorio di importanti infrastrutture in grado di incidere positivamente sulla qualità della vita della nostra comunità. Mentre da pochi giorni sono terminati i lavori alla palestra Saffi, hanno preso il via da alcune settimane quelli per la costruzione della nuova scuola materna di Canonica. A giorni partiranno anche i cantieri di via Alessandrini, che verrà collegata a via Trasversale Marecchia, e quelli per realizzare la rotatoria all’incrocio fra le vie della Resistenza e Togliatti, che verrà dotata di un percorso ciclabile. Nel corso del prossimo anno verrà rifatto il ponticello in via Zanni e deviato il rio Roveto a San Bartolo, mentre sono tre le piste ciclabili di prossima realizzazione: quella che collegherà la stazione ferrovia a Santa Giustina, quella lungo via Bornaccino e quella che permetterà di raggiungere in sicurezza il centro parrocchiale di San Bartolo”. Altri lavori – ha poi in sostanza affermato l’assessore Sacchetti – sono in avanzata fase di programmazione, come il recupero della nevaia e delle grotte in piazza Balacchi, la riqualificazione del Museo degli usi e costumi e dell’ex biblioteca destinata a ospitare l’Archivio della poesia dialettale, nonché la sistemazione e l’ampliamento del bar Clementino. Slitta invece al 2020 la passerella sul ponte Marecchia e il tratto di collegamento della ciclabile.


In chiusura il sindaco Alice Parma ha sottolineato l’importanza del confronto e del dibattito sviluppato in Consiglio comunale sul bilancio di previsione, evidenziando come l’approvazione dello stesso entro il 31 dicembre permetterà una migliore gestione dei servizi. “Credo che il cuore pulsante di questo bilancio – ha poi proseguito – stia nella rete dei servizi e delle opportunità legate all’istruzione, ai servizi alla persona, ai nuovi bisogni sempre più evidenti nella nostra società, nonché nelle risorse destinate ogni anno agli spazi culturali, primo fra tutti la biblioteca Baldini”. Dopo aver ringraziato i sindacati e le associazioni di categoria per il confronto sul bilancio, in merito alla riduzione e alla rimodulazione dell’addizionale Irpef il sindaco Parma ha precisato che si tratta di una scelta avviata in questi ultimi anni, un percorso misurato che non può essere ridotto a un provvedimento estemporaneo dell’ultimo bilancio di previsione del mandato amministrativo. Dal sindaco Parma anche un ringraziamento al consigliere Martignoni per il lavoro svolto in questi anni all’interno del Consiglio dell’Unione dei Comuni Valle del Marecchia.


Il bilancio di previsione 2019-2021 è stato approvato con i voti favorevoli dei partiti di maggioranza (Partito democratico e Sinistra Unita per Santarcangelo) e con i voti contrari dell’opposizione (Movimento 5 Stelle, Una mano per Santarcangelo, Progetto Civico, Forza Italia e consigliere Montevecchi). 


Con lo stesso esito di voti il Consiglio comunale ha approvato anche l’ultimo punto all’ardine del giorno, ovvero la revisione periodica delle partecipazioni.