Sabato 14 Dicembre14:38:47
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Questore di Rimini incontra gestori e conferma tolleranza zero. Discoteche in ginocchio: "Appello al governo"

Attualità Rimini | 18:49 - 13 Dicembre 2018 Questore di Rimini incontra gestori e conferma tolleranza zero. Discoteche in ginocchio: "Appello al governo"

Nessuno sconto, dopo la tragedia di Corinaldo. Il Questore di Rimini Maurizio Improta lo ha ribadito a tutti i gestori e titolari di discoteche di Rimini e Provincia, nell'incontro tenutosi in Questura giovedì 13 dicembre. Ci saranno strigenti controlli su tutte le strutture, in particolar modo sulle capienze. Gianni Indino, presidente del Silb, era presente all'incontro e ammette che il problema delle capienze sussiste: "Ho fatto presente anche oggi che sarebbe necessario aumentare i coefficienti legati alle uscite di sicurezza e ai metri quadrati, equiparandoli a quelli europei che sono il doppio dei nostri". 

In pratica lo stesso locale in Italia può contenere solo la metà degli avventori che invece regolarmente ospita negli altri paesi europei, senza criticità per la sicurezza.

UN INCONTRO PROFICUO. Gianni Indino sottolinea che quello odierno è stato comunque un "incontro proficuo", in quanto "il Questore si è dimostrato disponibile, non vuole forzare la mano e che non scatenerà una caccia alle streghe". Saranno disposti degli accorgimenti: gli uomini della sicurezza dovranno essere più riconoscibili e indosseranno il gilet giallo fluo. All'interno dei locali saranno trasmessi dei filmati che indicheranno alle persone come muoversi in caso di emergenza.

DISCOTECHE IN GINOCCHIO. La preoccupazione degli addetti ai lavori comunque rimane. E' un momento di difficoltà, per i gestori e i titolari delle discoteche, già alle prese con la crisi economica e con una tassazione molto alta. Eppure il mondo della notte ha fatto da anni traino per il turismo, specie nella riviera romagnola. Gianni Indino rimarca con oroglio che "in 70 anni di Riviera non è mai accaduto nulla, eppure le discoteche avevano presenze maggiori" e che "i locali dell riviera romagnola sono i più sicuri", ricordando "il lavoro attento, preciso e puntuale della commissione provinciale di vigilanza, che rilasciano i certificati solo ai locali perfettamente a norma", mentre in caso contrario "sono rilasciate prescrizioni e sino a quando il titolare non ottempera il locale non apre".

APPELLO AL GOVERNO. In un momento di crisi, è auspicabile un intervento dall'alto. Il Silb chiede infatti un intervento del governo, un sostegno al mondo della notte. "Sono stati fatti incentivi per la rottamazione dei motorini, delle automobili, incentivi di ogni tipo. Ora chiediamo che ci diano una mano, perché siamo un settore molto importante del turismo", è l'appello di Gianni Indino. Di altro tenore, sul tema mondo della notte, era stato invece l'appello del presidente della Siae, Giulio Rapetti, che aveva chiesto al Ministro dell'Interno Matteo Salvini più controlli ai locali.