Sabato 20 Aprile07:37:03
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Meeting, edizione 2019 sarà quella dei 40 anni: 'bellezza e speranza, contro cinismo e grettezza'

Attualità Rimini | 16:42 - 12 Dicembre 2018 Meeting, edizione 2019 sarà quella dei 40 anni: 'bellezza e speranza, contro cinismo e grettezza'

Un Meeting, giunto al traguardo dei 40 anni, aperto alla "bellezza e alla speranza" e che vuole muoversi "sull'onda del rifiuto del cinismo e della grettezza". Così, la presidente della Fondazione Meeting per l'amicizia fra i popoli, Emilia Guarnieri, ha presentato, a Rimini, la quarantesima edizione della kermesse, quella del 2019, che si terrà nella città romagnola dal 18 al 24 agosto prossimi. Questi, ha osservato in conferenza stampa davanti al sindaco di Rimini, Andrea Gnassi e al presidente della Fiera di Rimini, Lorenzo Cagnoni, sono stati "quarant'anni di apertura al mondo, quarant'anni di legame con la nostra città e i suoi protagonisti: Rimini a fine anni Settanta era una città creativa, con eccellenze nel sociale e nella cultura, penso a don Oreste, a San Patrignano, al Pio Manzù, alla Sagra Malatestiana" che ora si appresta, come il Meeting ad affrontare nuove sfide nella consapevolezza che, ha aggiunto Guarnieri, "i grandi progetti si costruiscono insieme con chi ha il coraggio di volere il bene, prima di cercare il proprio utile". La manifestazione che compie 40 anni, ha raccontato la presidente, sarà il Meeting di una nuova apertura internazionale, "non più solo un Meeting dell'amicizia fra i popoli, ma un Meeting realizzato con gli amici dei diversi popoli" come tracciato dalla missione in Egitto dello scorso ottobre, in collaborazione con la Biblioteca di Alessandria. Ad agosto, è stato spiegato, il Meeting - il cui titolo è 'Nacque il tuo volto da ciò che fissavi', tratto da una poesia di Karol Wojtila, Giovanni Paolo II - sarà caratterizzato da un nuovo logo, disegnato da Stefania Garuffi, con il numero 40 ad accompagnare la parola meeting e una colomba bianca inserita nel numero 0. "Viviamo nel Paese che il Censis descrive come 'impaurito, incattivito, impoverito' - ha sottolineato Guarnieri -: tutto vero, ma è anche vero che la partita tra cinismo e speranza si gioca sulla responsabilità e sulla libertà di ciascuno. Dipende tutto dalla direzione verso cui puntiamo il nostro sguardo - ha concluso - come ricorda il titolo del 40/o Meeting".