Mercoled 23 Gennaio08:41:12
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Accusato di violenza sessuale, bidello riminese torna in libertà: può tornare a lavorare

Cronaca Rimini | 15:47 - 08 Dicembre 2018 Accusato di violenza sessuale, bidello riminese torna in libertà: può tornare a lavorare

 Era stato arrestato su decisione del Gip del Tribunale di Forlì, lo scorso 19 novembre, con l'accusa di violenza sessuale e adescamento ai danni di due adolescenti di 14 e 17 anni. L'indagato, un bidello riminese 35enne - così riportano Il Resto del Carlino e il Corriere di Romagna - è stato scarcerato dal Tribunale del Riesame di Bologna cui il suo legale, l'avvocato Massimiliano Orrù, aveva presentato ricorso. L'uomo, ora libero, potrà anche tornare in servizio. L'inchiesta nei suoi confronti era partita nel mese di marzo dopo che i genitori di un giovane avevano trovato messaggi preoccupanti sul telefonino del figlio. Dalle indagini quindi emerso come il 35enne avvicinasse adolescenti maschi, tra i 14 e i 17 anni, perlopiù in centri commerciali della Romagna, o in altri locali pubblici dove venivano organizzati incontri e spettacoli con noti dj, youtuber o influencer. Il bidello dimostrava di essere esperto dell'argomento e si vantava di conoscenze nel settore. Così cercava di convincere i ragazzini ad affidarsi a lui per avere successo sul web. Tentando anche, grazie alla lettura dei 'tarocchi' e sostenendo di avere poteri magici, di legarli emotivamente a sé. Poi, con messaggini, video e alla fine anche con contatti diretti, portava il rapporto coi minori sul piano sessuale. Due gli episodi di molestie sessuali contestati e una decina gli adescamenti.