Gioved 20 Giugno05:55:08
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Tennis, il progetto del Ct Viserba per i giovani lanciati verso il circuito prof

Sport Rimini | 19:23 - 28 Novembre 2018 Tennis, il progetto del Ct Viserba per i giovani lanciati verso il circuito prof


 Dopo una stagione in cui le promesse del Tennis Viserba hanno vinto dieci tornei Open, hanno fatto i primi passi nel circuito Itf Men’s Future e Itf Women’s Tour ed hanno conquistato la promozione in serie B maschile, è giunto il momento di fare un altro salto verso l’eccellenza.
I giovani talenti locali sono ad un passo dal professionismo ed il Club ha deciso di aiutarli ad affrontare nel miglior modo il Circuito. Oggi, nella Club House del Circolo, è stato presentato il progetto di supporto dei migliori giovani locali verso il tennis che conta. Obiettivo minimo: trovare 25.000 euro che serviranno per trasferte, allenatori, preparazione, spese varie. Un obiettivo ormai alla portata di mano.
Il vicepresidente Roberto Rinaldi ha illustrato i dettagli: “E un progetto ambizioso, ma ormai dobbiamo fare i conti con la realtà. E la realtà ci dice che i nostri ragazzi sono migliorati a tal punto da vincere, quest’anno, dieci tornei Open nazionali oltre alla promozione in serie B maschile. Un evento per noi epocale – ha detto Rinaldi – alcuni hanno già fatto tornei Itf, ormai sono ad un passo dal professionismo a tutti gli effetti. Il nostro sogno è che lo diventino a pieno titolo e che ci portino in serie A, questo grazie anche ai tecnici Marco Mazza e Luca Gasparini. Il progetto si basa sull’aiuto di soci, sponsor, amici ed aziende, abbiamo cercato di unire le forze per permettere a questi ragazzi di fare il circuito internazionale, ma il progetto va al di là dei vertici e coinvolge anche la base dei nostri agonisti, nel complesso 100 ragazzi della scuola”.
Un progetto che richiama in qualche modo quello del Rinascita Basket Rimini, non a caso è intervenuto anche coach Massimo Bernardi, giocatore di tennis e socio del Tennis Viserba. Presente anche l’assessore alle attività educative, Mattia Morolli, in rappresentanza dell’assessore Brasini. Morolli è un viserbese doc e ha mostrato grande attenzione: “E’ un progetto che guarda al futuro, non solo progettualità, ma anche agonismo ed educazione, tramite lo sport si lega appunto l’educazione ed il territorio”.
Parola ai tecnici. Marco Mazza ha ribadito: “E’ un progetto ambizioso ma reale, siamo arrivati ad un punto che il professionismo per i nostri ragazzi è alle porte ed infatti da dicembre giocheranno in Tunisia e Turchia alla ricerca di punti Atp e Wta. Anche i più piccoli avranno una motivazione in più per crescere”.
Gli ha fatto eco Luca Gasparini: “In questi anni mi sono occupato della parte mentale. Abbiamo lavorato dando la priorità al gruppo, alla comunità che è la cosa più importante. Il primo obiettivo è stato sostenerli in maniera non performativa al 100%, ma come persone che stanno bene insieme”. Presenti tra i i giocatori Diego Zanni, Manuel Mazza, Alberto Bronzetti, Andrea Calogero, ma il progetto riguarda da vicino anche Federico Bronzetti, Alessandro Canini, Beatrice Letizia, Alessandra Mazzola e Chiara Rinaldi.
Conclusione di Roberto Rinaldi: “La serie A non è così lontana basti pensare che il Messina, che due anni fa ci ha battuto nella finale di serie C, ora gioca nella massima serie. Quest’anno potremo schierare una formazione arricchita da Andrea Calogero e forse da un giocatore che ora sta facendo la serie A e che si sta allenando già con noi”. E c’è anche una squadra di serie C femminile molto competitiva, che può contare su Alessandra Mazzola, Beatrice Letizia e Chiara Rinaldi. “Se come sembra Beatrice andrà a giocare in un College statunitense – ha detto Marco Mazza – verrà sicuramente rimpiazzata da una giocatrice di livello per tentare di conquistare la serie B anche con le ragazze”.