Marted 25 Giugno06:59:32
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Architetti evasori totali, albergatrice che affitta in nero alle prostitute: i casi di evasione scoperti a Rimini

Attualità Rimini | 13:55 - 26 Novembre 2018 Architetti evasori totali, albergatrice che affitta in nero alle prostitute: i casi di evasione scoperti a Rimini

Così come è emerso solo la scorsa settimana sul rapporto della direzione regionale, sono numerose le segnalazioni qualificate con cui il Comune di Rimini mantiene ben saldo il rapporto l’Agenzia delle Entrate, che, primo comune in regione come è emerso dal rapporto pubblicato sul Sole 24 ore, dall’inizio dell’attività ha consentito maggiori entrate per le casse comunali di oltre due milioni di euro.


I casi di evasione sono stati diversi. Una donna straniera, nullatenente, aveva acquistato un immobile del valore di 200.000 euro e un auto di cilindrata medio/alta. La verifica su di lei ha portato a scoprire un incasso di 45.000 euro, frutto della sua attività di prostituta. Affittava in nero a delle prostitute un albergatrice riminese, con un guadagno di 21.000 euro. Vi è poi il caso di un imprenditore riminese che ha ampliato di più di 200 mq la superficie destinata alla ristorazione senza mai aggiungerla a quella dichiarata negli studi di settore, che ha permesso un incasso di oltre 20 mila euro, o, per rimanere nell’ambito, quello di una società di architettura con sede all’estero ma che regolarmente opera sul territorio nazionale senza dichiarare nulla, che ha permesso un incasso di oltre 13 mila euro.