Domenica 21 Aprile19:14:31
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Comune di Rimini chiede in prestito gratuito gli immobili sfitti del centro ai privati: ecco perché

Attualità Rimini | 13:41 - 22 Novembre 2018 Comune di Rimini chiede in prestito gratuito gli immobili sfitti del centro ai privati: ecco perché

Il Consigliere di minoranza Carlo Rufo Spina l'ha aspramente criticata, ma il Comune di Rimini crede nell'iniziativa natalizia mirata alla valorizzazione degli immobili commerciali non utilizzati del centro storico, durante le festività natalizie. Non si tratta solo di allestire luminarie, ma, spiega l'amministrazione comunale, "di utilizzare gli immobili sfitti per iniziative e servizi complementari all'offerta commerciale, come attività di promozione e comunicazione, il tutto concedendo gli immobili al Comune di Rimini in comodato d'uso gratuito, per la durata massima di due mesi". In sostanza si chiede ai proprietari di mettere a disposizione gli spazi al fine di decorare la vetrina, con specifici layout grafici, e inoltre sarebbero utilizzati materiali indicati e forniti dall'amministrazione comunale. Uno dei primi interventi previsti per il periodo natalizio ormai alle porte dovrebbe interessare i locali dell’ex filiale Unicredit tra Corso d’Augusto e via Gambalunga.


IL COMMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE. “Il Teatro Galli ha acceso i riflettori su un centro storico mai così in fermento che ha portato anche a un fiorire di aperture di nuovi esercizi commerciali. E’ la testimonianza plastica di come le riqualificazioni urbane e la centralità dei contenitori culturali possano diventare un vero volano di uno sviluppo economico e di rilancio del tessuto commerciale e imprenditoriale. Il progetto sperimentale approvato dalla Giunta rappresenta una ulteriore opportunità per i privati per dare nuova vita ai propri immobili, evitando che il loro inutilizzo possa compromettere l’attrattività delle zone più centrali della città e allo stesso tempo si inserisce su un programma ormai consolidato di valorizzazione dei centri commerciali naturali. Il Teatro vivo e quotidianamente operativo, la piazza sull’acqua, gli interventi su piazza Malatesta, l’imminente apertura del secondo stralcio della corte a mare di Castel Sismondo, prevista per la fine di dicembre, sono i simboli di un percorso che con il coinvolgimento dei privati può portare ad una vera svolta nello sviluppo della città”.