Domenica 16 Giugno01:06:18
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Pronti 20 milioni per la riqualificazione urbana nel Distretto Turistico Balneare

Attualità Emilia Romagna | 14:11 - 21 Novembre 2018 Pronti 20 milioni per la riqualificazione urbana nel Distretto Turistico Balneare

Inizia in commissione Politiche economiche, presieduta da Luciana Serri, l’esame della proposta di legge regionale “Promozione dell’innovazione del prodotto turistico e della riqualificazione urbana nel Distretto Turistico Balneare della costa emiliano-romagnola”. Relatore del progetto di legge è Marcella Zappaterra (Pd), relatore di minoranza è Massimiliano Pompignoli (Ln). Prossima tappa dell’iter legislativo, l’udienza conoscitiva dei soggetti portatori di interessi (stakeholders) fissata per il 3 dicembre prossimo.

Contenuto. Il Distretto Turistico Balneare della costa emiliano-romagnolo comprende il territorio dei Comuni di Goro, Codigoro, Comacchio, Ravenna, Cervia, Cesenatico, Gatteo, Savignano sul Rubicone, San Mauro Pascoli, Bellaria Igea Marina, Rimini, Riccione, Misano Adriatico e Cattolica. Obiettivo del progetto di legge – ha spiegato l’assessore al Turismo, Andrea Corsini – è di incentivare interventi di rigenerazione urbana e riqualificazione territoriale delle aree e delle proprietà pubbliche nella fascia costiera di questi comuni che possano costituire un effettivo volano per il rinnovamento del turismo balneare, leva per incrementarne la competitività. Si tratta di una proposta di legge strategica - ha commentato l'assessore - per la quale si prevede una dotazione finanziaria iniziale di 20 milioni destinati al finanziamento dei progetti presentati dai Comuni.

In sede di discussione generale, Massimiliano Pompignoli (Ln) ha criticato la Giunta per la previsione di appena 1 milione sull’annualità 2018 quale dotazione della legge, parlando di “legge manifesto dal sapore preelettorale”. La relatrice Marcella Zappaterra (Pd) gli ha risposto che il progetto di legge completa il quadro di interventi normativi sul settore turistico e che il milione di euro previsto per il 2018 ha la funzione di avviare l’applicazione della norma, mentre i restanti 19 milioni entreranno nella programmazione finanziaria pluriennale della Regione. La consigliera Dem ha concluso la risposta evidenziando come, in aggiunta al finanziamento regionale, sarà previsto un cofinanziamento da parte dei Comuni interessati, la cui quota è ancora in fase di definizione.

Andrea Bertani (M5s), riscontrato che la finalità della proposta è il sostegno finanziario a interventi di riqualificazione urbana, ha domandato per quale motivo non si sia fatto ricorso ai bandi per la rigenerazione urbana appena approvati in applicazione della nuova legge urbanistica regionale. Al consigliere pentastellato ha risposto l’assessore Corsini, precisando che, una volta approvata legge, sarà cura della Regione garantire la piena sinergia con i bandi per la rigenerazione urbana legati alla legge sull’urbanistica.