Mercoledý 28 Ottobre07:40:52
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Al via a Coriano la 'Ecomensa scolastica', plastica sostituita con piatti riutilizzabili e acqua del rubinetto

Attualità Coriano | 12:53 - 15 Novembre 2018 Al via a Coriano la 'Ecomensa scolastica', plastica sostituita con piatti riutilizzabili e acqua del rubinetto

In italia molti Comuni hanno sostituito nelle mense scolastiche le stoviglie usa e getta e le bottigliette di plastica con piatti riutilizzabili e acqua del rubinetto. Il fenomeno è in crescita ed è intenzione anche del Comune di Coriano partire già dal prossimo anno con iniziative di questo tipo
 
Nel 2018 il Comune di Coriano ha introdotto una serie di iniziative volte ad utilizzare prodotti provenienti dal mercato biologico, con controllo della filiera bio, no OGM e la proposta di nuove ricette e menu per far conoscere ai bambini la massima varietà di cibi e gusti, valorizzando la cultura culinaria locale.
Il progetto Ecomensa a Coriano prevede che dall'anno scolastico 2018-2019 verranno utilizzati stoviglie riutilizzabili e lavabili, bicchieri e caraffe in vetro infrangibile, insalatiere e portafrutta in materiale pluriuso e posate inox.
L'igienizzazione delle stoviglie e di ogni altro strumento utilizzato nella distribuzione, consumo e somministrazione dei pasti potrà essere effettuata con lavaggio in lavastoviglie.
Con questo progetto il Comune di Coriano ha partecipato ad un bando di finanziamento Atersir e ha ottenuto la copertura dell'80% dei costi che prevedono l'acquisto di stoviglie, bicchieri, caraffe, insalatiere e di due lavastoglie ecologiche presso i plessi scolastici dei due Istituti Compresivi presenti sul territorio.
Il finanziamento ottenuto è pari a 4'241,00 euro su una spesa totale di 5'301,00 euro.
Riorganizzare le mense, eliminando i piatti, bicchieri, posate di plastica, permetterà di ottenere  un riduzione annua di rifiuti stimata in 2 tonnellate all'anno!
Inoltre, con le stoviglie riutilizzabili e lavabili c’è la sicurezza di un materiale sano, che non rilascia sostanze chimiche con le alte temperature; c’è la certezza di ridurre l’inquinamento damicroplastiche, un dramma che ha ulteriori risvolti negativi per la salute pubblica. E poi si limita lo spreco di materie prime, la produzione e le relative emissioni di carta e plastica, il loro trasporto, mentre si riduce ovviamente anche la produzione e lo smaltimento di rifiuti.
 
Anna Pazzaglia (Assessore all’Ambiente): ”Ci sono inoltre altri aspetti da non sottovalutare, che potremmo chiamare psicologici ed educativi: il piatto lavabile, il bicchiere di vetro, le posate inox, si usano per responsabilizzare il bambino, aiutarlo a conoscere e capire il mondo che lo circonda sin dall’asilo nido, accrescere la sua autostima e renderlo autonomo. In più, usare un piatto lavabile educa le prossime generazioni al riuso, al rispetto dell’ambiente, allontanandole dalla cultura dell’usa-e-getta .”