Giovedý 05 Dicembre18:48:08
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Riccione, arrivano nuove risorse dalla regione per le scuole per l'infanzia paritarie

Attualità Riccione | 13:50 - 14 Novembre 2018 Riccione, arrivano nuove risorse dalla regione per le scuole per l'infanzia paritarie

Nuove risorse economiche per le scuole per l’infanzia paritarie di Riccione ( materne comunali e private) per i bambini in età 0-6 anni. Dall’incontro del 13 novembre con i dirigenti delle scuole paritarie private, il sindaco Renata Tosi e l’assessore ai servizi educativi Alessandra Battarra hanno comunicato la volontà dell’amministrazione di distribuire e suddividere, secondo un criterio oggettivo del numero di bambini iscritti e residenti, il finanziamento di 163.000 euro assegnato dalla Regione al Comune di Riccione, pur mantenendo la convenzione già in vigore con le stesse. In altre parole la somma stanziata dalla Regione, a sostegno dell’offerta pedagogica di un sistema pluralistico integrato, non sarà assorbita dall’amministrazione a compensazione del contributo economico già erogato alle scuole paritarie per effetto della convezione, ma verrà calibrato e assegnato ugualmente in modo da favorire la qualificazione del sistema educativo complessivo della fascia d’età fino ai 6 anni. Il contributo regionale  verrà investito per la formazione degli insegnanti e per sostenere le attività scolastiche e gli interventi di progettazione educativa con il coinvolgimento delle famiglie.



IL COMMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE. Dichiara l'assessore ai servizi educativi, Alessandra Battarra: "La Giunta e la Maggioranza colgono ogni occasione e opportunità per garantire un’offerta educativa complessiva che rispetti la libertà di scelta delle famiglie. Alla stregua delle scuole pubbliche, le paritarie svolgono un servizio analogo e di integrazione per far fronte e dare risposte a tutte le domande. Continueremo ad essere presenti in tutto il sistema dei servizi 0-6, sia comunale che privato, per il ruolo essenziale che ricopre per la crescita e lo sviluppo dei nostri bambini”.