Mercoled 20 Marzo13:30:49
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La terza panchina artistica di Santarcangelo è stata scelta: ecco chi ha vinto il bando

Attualità Santarcangelo di Romagna | 14:44 - 07 Novembre 2018 La terza panchina artistica di Santarcangelo è stata scelta: ecco chi ha vinto il bando

Si chiama “e’ Ribéss” la terza panchina artistica che sarà installata entro il 15 dicembre nei “Pratini” di via Ruggeri dove sono già presenti quelle dedicate all’amicizia e all’amore. La proposta di Manolo Benvenuti ed Elena Leria Jimenez ha infatti vinto il bando dell’Amministrazione comunale per la realizzazione di una panchina collettiva di reuse design, basata cioè sui concetti di ecosostenibilità sociale e ambientale che caratterizzano l’EcoNatale santarcangiolese.
 
I membri della commissione – l’architetto del Servizio Ambiente e Turismo Patrizia Fiannaca, l’architetto Gianluca Maestri e l’artista Leonardo Blanco – hanno valutato le 10 proposte pervenute sulla base della pertinenza ai temi indicati (socialità e collettività), dell’originalità e della creatività, della qualità ed estetica, della fattibilità, nonché della sostenibilità e dell’impatto ambientale. Determinante nella scelta del progetto vincitore è stata l’attinenza con le tradizioni della città: così come in altre parti della Romagna, anche a Santarcangelo gli adulti usavano raccontare ai bambini che giocavano lungo la fossa che un tempo attraversava i “Pratini”, la leggenda di “e’ Ribéss” (il Re serpente), che doveva il nome alle sue grandi dimensioni. La proposta vincitrice recupera appunto questa leggenda attraverso una struttura realizzata con scarti di lavorazione, come tondini e lamiere in ferro, che ricorda “e’ Ribéss” con una forma sinuosa e circolare che ben si adatta a una panchina collettiva.
 
“Oltre a quello vincitore, anche gli altri progetti presentati all’Amministrazione comunale sono stati molto apprezzati sia per l’originalità che per la sostenibilità ambientale e sociale – afferma l’assessore a Turismo e Sviluppo economico Paola Donini – ma anche perché alcuni di essi esprimono significati simbolici molto ricchi e attuali. Per questo l’Amministrazione terrà in considerazione tutte le proposte arrivate e valuterà la possibilità futura di installare ulteriori panchine in altri luoghi della città”.