Domenica 21 Aprile05:07:27
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Avvocati di strada a Rimini, migranti e italiani tra gli assistiti. Il bilancio di un anno di attività

ASCOLTA L'AUDIO
Attualità Rimini | 14:20 - 07 Novembre 2018 Avvocati di strada a Rimini, migranti e italiani tra gli assistiti. Il bilancio di un anno di attività

Lo sportello di Rimini di Avvocato di Strada compie un anno. Avvocato di Strada, onlus che da diciotto anni fornisce consulenza ed assistenza legale gratuita a persone senza fissa dimora, ha inaugurato la sede di Rimini a novembre dello scorso anno quale quarantasettesimo sportello dell’Associazione in tutta Italia. È attivo il secondo e il quarto sabato di ogni mese, dalle 9 alle 11, presso la sede di Rimini di Croce Rossa Italiana (via Mameli, 37). Al momento prestano attività allo sportello 13 volontari (di cui 11 avvocati).


I SENZA FISSA DIMORA SEGUITI DALLO SPORTELLO DI RIMINI. Nel primo anno di attività lo sportello ha seguito 51 pratiche: 29 di diritto civile, 4 di diritto penale, 11 di diritto dei migranti, 6 di diritto amministrativo, 1 non classificabile. Gli assistiti sono per il 72,5% uomini (37 su 51) e per il 55% di origine comunitaria (con una preponderanza di utenti italiani, 27 su 51); gli utenti extracomunitari provengono da 17 Paesi diversi, in particolare da Africa ed Europa orientale.


INIZIATIVE DI RACCOLTA FONDI. L’attività dei volontari che prestano servizio allo Sportello è svolta a titolo del tutto gratuito, ma sono comunque previsti dei costi da sostenere: raccomandate, marche da bollo, visure camerali, nonché quelli legati all’organizzazione di eventi di formazione e sensibilizzazione. Per sostenere le proprie attività a Rimini come altrove, lo Sportello si affida a donazioni ed attività di autofinanziamento, come la “Cena dei diritti” che verrà organizzata il 17 novembre presso Grotta Rossa – Spazio Pubblico Autogestito (prenotazioni entro il 14 a rimini@avvocatodistrada.it). La cena sarà un’occasione per festeggiare il primo compleanno dello sportello e conoscere le sue attività: ad ogni tavolo sarà infatti presente un volontario dell’Associazione, che racconterà la propria esperienza di volontariato e alcune pratiche seguite dallo sportello. Alla serata sarà presente anche il fondatore e presidente di Avvocato di Strada, l'avv. Antonio Mumolo. Nel corso del mese di novembre Avvocato di Strada, in collaborazione con altre associazioni e realtà del territorio, organizza in vari Comuni della Provincia (a Rimini, Villa Verucchio e Santarcangelo di Romagna) un ciclo di proiezioni, il “Cineforum dei diritti”, dedicato al tema della tutela dei diritti fondamentali, in occasione del 70° anniversario della Costituzione: il primo appuntamento sarà a Santarcangelo il 13 novembre, con la proiezione di un docu-film sulle leggi razziali, da poco presentato al Festival del cinema di Venezia.

PROPOSTE. Tra le proposte avanzate all’Amministrazione comunale di Rimini, c'è quella mirata a risolvere il problema della posta e delle comunicazioni. Quando una persona senza fissa dimora ottiene l’iscrizione anagrafica nella via fittizia, infatti, non possiede un domicilio facilmente individuabile dove ricevere posta e documenti importanti. Questa circostanza costituisce un grosso problema, soprattutto quando la persona deve ricevere documenti importanti come per esempio patente di guida e tessera sanitaria. Per questo è chiesto al Comune di Rimini di adottare una soluzione analoga a quella di Reggio Emilia, dove è stato predisposto un luogo idoneo e preciso presso il quale gli utenti con la residenza anagrafica nella via fittizia possono recarsi a ricevere notifiche e raccomandate.


Intervista di Riccardo Giannini all'avvocato Patrick Wild.

ASCOLTA L'AUDIO