Mercoledý 24 Aprile07:08:06
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Volley A2 femminile, colpo grosso dell'Omag in casa della Teodora Ravenna: 3-1

Sport Ravenna | 20:35 - 04 Novembre 2018 Volley A2 femminile, colpo grosso dell'Omag in casa della Teodora Ravenna: 3-1

L'Omag vince a Ravenna 3-1 tra il tripudio della nutrita rappresentanza di tifosi di San Giovanni in Marignano. La Tedorora si schiera con capitan Bacchi e Aluigi sulle bande, Zamora opposto, Agrifoglio al palleggio, Torcolacci e Gioli centrali, con Rocchi libero. L'Omag con Battistoni in palleggio, Manfredini in diagonale, Caneva e Lualdi al centro, Fairs e Saguatti attaccanti di posto, mentre il libero è Gibertini.

Si procede in parità fino al 7 a 7 e poi sul 15 a 15. Passa un momento delicato in questa fase Ravenna e le ospiti prendono un vantaggio di tre punti (17-20). Grazie a un errore in attacco di Manfredini e a due errori al servizio delle avversarie, le ragazze di coach Caliendo si riportano sotto per ritrovare la parità con Gioli che mette a terra la preziosa palla del 22 a 22. Le riminesi si riportano avanti e Agrifoglio ritrova il pari. Poi un mani fuori su attacco di Bacchi e un errore in attacco delle ospiti danno a Ravenna la palla del set ball. Capitan Bacchi riceve una palla invitante che non può sbagliare e così Ravenna conquista questo primo set (26-24) in un’atmosfera infuocata.

Il secondo set inizia molto bene per Ravenna che allunga fino a 10 a 3. San Giovanni con due ace di Saguatti si riporta in partita (10-7). Coach Caliendo chiama time out per ricompattare le fila. Tuttavia le ospiti riescono a riprendere coraggio e a ritrovare concentrazione: prima pareggiano e poi mettono la freccia (11-12). Caliendo ferma di nuovo il gioco, prima di entrare nella fase calda del set con le detentrici della Coppa Italia di A2 avanti di tre lunghezze (17-20). Capitan Bacchi suona la carica (20-20). Il PalaCosta diventa una polveriera quando, sempre con Agrifoglio in battuta, Ravenna si porta sul 22 a 20. Le emozioni sembrano non finire mai e ancora San Giovanni trova la parità (23-23). Zamora pesca il punto per il set ball che viene annullato. Ancora Gioli porta avanti Ravenna e ancora il set ball viene annullato. Il finale è ricco di emozioni, fino a che le ospiti non mettono a terra la palla decisiva (27-29).

Il primo punto della terza frazione di gioco lo mette a segno ancora capitan Bacchi. Il set è fondamentale per capire chi porterà a casa almeno un punto. La tensione in campo è perciò palpabile. Dopo aver accumulato un vantaggio di quattro lunghezze (8-4), le ravennati si fanno raggiungere sul 9 pari. Dopo un break di tre a zero per le padrone di casa (12-9) si torna di nuovo in parità (13-13). Passa avanti San Giovanni (13-15) e coach Caliendo chiama la sospensione temporanea. Le ospiti sono sempre avanti di tre punti, vantaggio che amministrano fino al 19 a 22.Si entra nelle fasi finali del set, combattute come lo è stato fino a questo momento l’intero incontro. È San Giovanni a dimostrare maggiore freddezza e a chiudere sul 23 a 25.

Il quarto set mantiene il copione del precedente con un’iniziale equilibrio tra le due compagini (7-7). La posta in palio è alta e non bisogna mollare. Nella parte centrale del set si lotta punto a punto. Aluigi sigla la palla del 13 a 14 ma poi è di nuovo San Giovanni a trovare maggiore precisione e incisività e a prendere il volo (16-23). L’ultima segnatura di Ravenna è di capitan Bacchi (17-24), autrice di 24 punti.

CONAD RAVENNA – OMAG 1-3 (26-24, 27-29, 23-25, 17-25)

CONAD OLIMPIA TEODORA RAVENNA: Bacchi 24, Zamora 10, Lombardi 1, Gioli 10, Torcolacci 3, Agrifoglio 4, Calisesi 1, Canton, Rocchi (L), Aluigi 6, Ubertini, Vallicelli 1. N.e: Altini, Mendaro. All.: Caliendo. Vice all.:Guarnieri.

Muri 11, ace 1, battute sbagliate 5.

OMAG SAN GIOVANNI IN MARIGNANO Fairs 17, Battistoni, Saguatti 18, Gibertini (L), Manfredini 19, Gray, Caneva 8, Lualdi 15. N.e.: Pinali, Mazzotti, Casprini, Guasti. All.: Saja. Vice all.: Zanchi.

Muri 12, ace 6, battute sbagliate 17.
Arbitri: Luca Cecconato e Nicola Traversa

Durata set: 28‘, 33’, 32‘, 26’; tot. 119‘