Luned́ 24 Giugno17:01:10
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Provincia di Rimini, dichiarazione del neo presidente Santi "testa bassa e pedalare"

Attualità Rimini | 11:03 - 02 Novembre 2018 Provincia di Rimini, dichiarazione del neo presidente Santi "testa bassa e pedalare"

Il neo presidente della Provincia di Rimini Riziero Santi, interviene con una nota all'indomani dei risultati del voto. Santi ribadisce la consapevolezza dell'importanza del suo ruolo, che affronterà come "buon padre di famiglia".

Di seguito la nota stampa del Presidente della Provincia Santi

"Voglio subito dire che sono pienamente consapevole dei compiti e delle non poche responsabilità che mi attendono, alle quali farò fronte con l’approccio del buon padre di famiglia. Il mio è un ruolo istituzionale e non politico. Con ciò intendo dare una precisa impronta al mio mandato: sarò il presidente di tutta la provincia, di tutti i Sindaci e di tutti i Consiglieri. Naturalmente di tutti i cittadini. Ai Sindaci chiedo di collaborare partecipando attivamente e portando il loro contributo nell’Assemblea dei Sindaci. I consiglieri eletti saranno investiti di compiti e responsabilità precise e verificabili. I consiglieri comunali saranno interpellati come terminali intelligenti presenti sul territorio. Non deborderemo dal nostro ruolo e dalle nostre competenze, ma al tempo stesso non rinunceremo nemmeno a svolgerli tutti con dignità, dedizione e passione. Non mi impressiona il piccolo differenziale di voto, quelli sono i meccanismi elettorali. Peraltro non penso che qualcuno possa avere pensato di vincere con ampio margine, né io né Mimma. Non mi disturbano le dichiarazione di Mimma che giudico sopra le righe data la delusione e l’amarezza del momento in cui si perde. Non mi inqueta qualche voto preventivato a mio favore e non andato in porto, è la democrazia bellezza. Non c’è nulla da indagare. Anzi ringrazio tutti quelli che hanno votato secondo coscienza. Ciò che voglio adesso è solo provare di non deludere e di mantenere gli impegni assunti. Riorganizzazione dell’ente, adeguamento delle strutture ai compiti e alle funzioni da svolgere, attivazione della “provincia casa di tutti i comuni”, proseguimento nel lavoro su strade, ponti e scuole, recuperando il tempo perduto, sviluppo delle relazioni istituzionali nelle sedi di area vasta, regionali e nazionali, compreso l’attivazione di un rapporto di collaborazione con la confinante provincia di Pesaro e la Repubblica di San Marino. Inoltre con i consiglieri delegati ed i funzionari tireremo fuori tutti i dossier delle funzioni assegnate, dalle partecipate, ai trasporti, alla pianificazione territoriale, per studiarli ed imprimere una accelerazione nelle decisioni da assumere. Al lavoro dunque: testa bassa e pedalare"