Gioved 21 Marzo09:33:56
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Due nuovi diaconi per la Chiesa di Rimini, Massimo Renzi e Claudio Giani

Attualità Rimini | 12:26 - 27 Ottobre 2018 Due nuovi diaconi per la Chiesa di Rimini, Massimo Renzi e Claudio Giani

Domenica 28 ottobre, in Basilica Cattedrale, alle ore 17.30, il Vescovo Francesco ordinerà due nuovi diaconi permanenti.
Si tratta di:
Massimo Renzi, 61 anni, della parrocchia San Michele Arcangelo di Morciano. Sposato con Mariapia Chiarabini dal 1982, hanno un figlio, Marco, di 35 anni. Diplomato perito agrario nel 1976, è stato Agente del Consorzio Agrario Provinciale per l’Agenzia di Morciano per 22 anni. Nel 2001 ha aperto una propria attività con la moglie.
Dopo essere stato coinvolto nel progetto N.I.P. (Nuovo Immagine di Parrocchia), ha intrapreso il cammino verso l’ordinazione diaconale. Sta svolgendo il suo servizio in parrocchia come catechista battesimale e altri impegni pastorali nell’ambito della pastorale famigliare;
Claudio Giani ha 47 anni, è sposato dal 2005 con Tiziana Selva ed è padre di tre figli: Michele, Letizia e Francesco.
Vive a Cerasolo e lavoro come libero professionista nell’ambito della stampa e della grafica pubblicitaria. Svolge il suo servizio ecclesiale nella zona pastorale di Coriano.

Il Vescovo impone le mani ai diaconi, “non per il sacerdozio, ma per il servizio”. Infatti – dice il Concilio Vaticano II – sono sostenuti dalla grazia sacramentale, nella ‘diaconia’ della liturgia, della predicazione e della carità servono il popolo di Dio, in comunione col vescovo e con il suo presbiterio. È ufficio del diacono amministrare solennemente il battesimo, conservare e distribuire l’Eucaristia, assistere e benedire il matrimonio, portare il viatico ai moribondi, leggere la Sacra Scrittura ai fedeli, istruire ed esortare il popolo, amministrare i sacramentali, presiedere al rito funebre e alla sepoltura. Sono inoltre chiamati, in particolare, agli uffici di carità e di assistenza.
Per i diaconi permanenti si aprono, poi, campi nuovi di azioni pastorale, in particolare verso le «periferie esistenziali» di cui parla Papa Francesco: prendersi a cuore le carceri, gli emarginati, i poveri, i giovani, i malati in ospedale e nelle case di cura e lungodegenti.


Con i nuovi ordinati, sale a 54 il numero dei diaconi permanenti in servizio in Diocesi. La prima ordinazione - Bruno Suzzi - risale al 1981. Numerosi altri diaconi permanenti sono in via di formazione, frequentando l’Istituto Superiore di Scienze Religiose “A. Marvelli”, e seguiti nel percorso dal Delegato diocesano, il Vicario don Maurizio Fabbri. Normalmente i diaconi permanenti prestano servizio nella carità o in ambiti pastorali in parrocchia e in diocesi. “Con la sua vita, il diacono, «uomo della soglia» – spiega don Fabbri – richiama ad essere a servizio gli uni degli altri e al servizio della comunità e del mondo. Con la sua attività, il diacono aiuta la Chiesa e ogni cristiano nella dimensione del servizio”.
 
Con le ordinazioni di domenica 28 ottobre, la Chiesa riminese conta 150 presbiteri diocesani, 32 sono i sacerdoti religiosi e 54 i diaconi permanenti.