Gioved 21 Marzo15:48:23
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

A Rimini arrivano i condomini attivi, con aree comuni da destinare ad attività di socializzazione

Attualità Rimini | 17:21 - 24 Ottobre 2018 A Rimini arrivano i condomini attivi, con aree comuni da destinare ad attività di socializzazione

Giovedì 25 ottobre, alle 14.00, presso l’immobile di Acer a Tombanuova (Rimini), in via Fausto Coppi 6/14, verrà inaugurata l’esperienza di “Condomini Attivi”.

Interverranno l’Assessore alle politiche abitative di Rimini, Gloria Lisi; la Vicepresidente di Acer Rimini, Claudia Corsini, il Presidente di Auser Rimini, Massimo Fusini e la Vicepresidente della Cooperativa Fratelli è Possibile, Elisa Zavoli.

Alle 14.30, i condòmini offriranno un Eco Caffè.

"Quello dei Condomini attivi – spiega la Vicepresidente di Acer Rimini, Claudia Corsini (nella FOTO) – è uno dei progetti che Acer e Comune di Rimini hanno condiviso, coinvolgendo anche altre realtà, in particolare Auser e la Cooperativa Fratelli è Possibile. Il progetto intende creare un asse di prevenzione sulla conflittualità sociale e relazionale, realizzando buone pratiche come, solo per fare qualche esempio, l’animazione sociale per i bambini o, con uno sguardo all’inclusione, i pranzi multiculturali realizzati negli spazi condivisi o, ancora, la costituzione di una banca del tempo".

"Non esiste progetto di welfare - commenta Gloria Lisi, assessore alla protezione sociale del Comune di Rimini - senza inclusione sociale. Questo riguarda in particolare l'housing e le politiche abitative. Ogni intervento del Comune di Rimini è stato pensato dentro un progetto di inclusione, un approccio condiviso anche all'interno della programmazione territoriale dei Piani di Zona. L'obiettivo condiviso è quello di un welfare comunitario che, a prescindere dal singolo intervento, metta in circolo, attivandole, le risorse delle persone-. È questo lo spirito più puro che condivido con il progetto condomini attivi"».

Un’iniziativa importante, per un’area in continua crescita come quella riminese. Un’esperienza che muove sul territorio i suoi primi passi, ma già portata all’attenzione di altre municipalità.

"Questa esperienza potrebbe essere replicata anche in altre realtà. Abbiamo infatti individuato dei condomini provvisti di spazi condivisi al loro interno o in aree limitrofe, ubicati nei comuni di Rimini, Santarcangelo di Romagna, San Giovanni in Marignano, Riccione, Morciano di Romagna e Bellaria Igea Marina", aggiunge Corsini.

Gli spazi condivisi sono infatti i contenitori privilegiati dove sviluppare i “Condomini attivi”.

"Le aree comuni possono essere utilizzate per attività di animazione sociale e partecipazione – spiega la Vicepresidente di Acer Rimini – un modo per ritrovare il senso di comunità tra i condòmini. Ma l’attivazione di proposte di condivisione degli spazi con attività mirate, grazie alla collaborazione con la Coop. F.lli è Possibile può, ad esempio, consentire l’ampliamento delle mediazioni in stabili ritenuti a rischio di conflittualità. Così come, l’attività di portierato sociale realizzato in collaborazione con Auser, può consentire l’istituzione di partiche di buon vicinato ed auto-mutuo aiuto, informazione e ausilio ai residenti".