Sabato 16 Febbraio05:05:30
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Arrestato ingegnere: ha rubato 16 lussuose Mercedes in due anni. Per i colpi utilizzava una bici pieghevole

ASCOLTA L'AUDIO
Cronaca Rimini | 14:56 - 22 Ottobre 2018 Arrestato ingegnere: ha rubato 16 lussuose Mercedes in due anni. Per i colpi utilizzava una bici pieghevole

Due ucraini, rispettivamente di 32 e 48 anni, sono stati arrestati nel week end dai Carabinieri di Riccione. Il primo per furto aggravato, ricettazione e possesso di documenti falsi, il secondo – suo complice ma con un ruolo di comprimario nella vicenda - di riciclaggio in quanto è stato trovato a bordo di un veicolo rubato con targhe false e con documenti di circolazione contraffatti (anche la patente rumena era falsa): aveva il compito di portare un delle auto in Ucraina.
Il più giovane dei due, un ingegnere che abitava a Rimini e impiegato come operaio, si è reso protagonista di sedici furti negli ultimi due anni in provincia di Rimini e in quella di Forlì-Cesena e di Pesaro, di lussuose Mercedes di grossa cilindrata delle classi ML ed E destinate a finire in paesi europei soprattutto dell'Est dopo la manipolazione del telaio, con targhe false e documenti regolari.

Il furto avveniva attraverso una strumentazione tecnica assai sofisticata che consentiva di recuperare e decodificare il numero delle chiavi e quindi dalle chiavi vergini produrne altre perfettamente funzionanti per aprire le auto. Un carro attrezzi con targa ucraina veniva utilizzato per spostare i veicoli di solito lasciati parcheggiati in strada e continuamente spostati per non destare sospetti.

L'ingegnere ucraino agiva in solitudine ed utilizzava una tecnica singolare nel furto. Una volta individuata le Mercedes da rubare, infatti, arrivava con la sua auto nella zona, dal bagagliaio scaricava una bicicletta pieghevole che utilizzava per compiere il furto dell'auto su cui poi caricava la bicicletta per tornare a riprendere la sua macchina. Dodici auto sono state recuperate e riconsegnate ai proprietari, in gran parte turisti.



Nell'audio l'intervista al tenente Cosimo De Falco della Compagnia Carabinieri di Riccione

ASCOLTA L'AUDIO