Venerd 19 Luglio17:03:55
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Piazzale 'Le Befane' occupato dai camper dei nomadi, la Lega attacca: 'emergenza fuori controllo'

Attualità Rimini | 14:54 - 18 Ottobre 2018 Piazzale 'Le Befane' occupato dai camper dei nomadi, la Lega attacca: 'emergenza fuori controllo'

“Sono una decina i camper di altrettante famiglie nomadi che da mesi sostano nel parcheggio a ridosso del centro commerciale Le Befane, a Rimini, nei pressi della zona stadio, di una clinica privata e di numerosi uffici”.

A denunciarlo ancora una volta è la Lega, con il suo segretario cittadino Oscar Fabbri e il consigliere comunale Matteo Zoccarato, intervenuti per dare sfogo alla rabbia di tantissimi riminesi e ad una situazione divenuta “insostenibile. Sono settimane che questa gente occupa abusivamente un’area pubblica e la utilizza impropriamente come campo nomadi.” Panni stesi, immondizia sparsa ovunque, bambini che gironzolano anche di notte, tavolini aperti in mezzo alla strada, è questa la condizione in cui versa il piazzale vicino alle Befane e concepito, in origine, come parcheggio riservato ai clienti del centro commerciale e agli spettatori della multisala. “Ormai sembriamo una barzelletta” - commentano i due leghisti riferendosi all’Amministrazione comunale - “dopo l’ok al progetto delle microaree e il permissivismo che questa Giunta esercita nei confronti di queste persone, Rimini è diventata il paradiso dei campi rom, la meta prediletta di carovane nomadi da tutta Italia. Vanno e vengono come pare a loro, fregandosene dei nostri cittadini e degli spazi ad uso comune che arbitrariamente e con disprezzo utilizzano per i propri scopi.”

“Ma chi è questa gente? Cosa fa tutto il giorno? Di cosa vivono?” – sono anche queste le domande che si pone il segretario del Carroccio Oscar Fabbri e che rimbalza al Sindaco di Rimini Andrea Gnassi: “mi auguro che lui lo sappia. Perché ci troviamo di fronte ad una vera e propria emergenza che l’Amministrazione non è in grado di gestire e soprattutto di sanare. Peccato che a rimetterci siano, come sempre,  i riminesi”.